Content Banner  

 

Un Nuovo Fronte Progressista per l’Italia (e l’Europa). Parte I

 

 

 

 

Partendo dalle considerazioni fatte in

Democrazia Radical Popolare, per le primarie del Centro-Sinistra sceglie senz'altro di votare Pierluigi Bersani (pur con tutti i limiti e gli errori fatti nell'appoggiare il Governo Monti e nel far approvare fiscal compact, pareggio di bilancio costituzionale, etc.), ritenendo sinora inadeguate le candidature di Renzi, Vendola ed altri. E si complimenta per l'esordio di PUBBLICO, giornale diretto da Luca Telese (clicca per leggere)

DRP in accordo e ad integrazione di "Lo scandalo della Regione Lazio 4 dummies", articolo del 24 settembre 2012 by Fiorenzo Fraioli per ECO DELLA RETE (clicca per leggere)

DRP a Pierluigi Bersani (e a Stefano Fassina, Matteo Orfini, Andrea Orlando, con gli altri aspiranti progressisti del PD): attenzione al progetto oligarchico, tecnocratico e consociativo di Mario Monti (clicca per leggere),

traendo motivo di soddisfazione per il fatto che Nichi Vendola si sia svegliato e abbia deciso di partecipare a viso aperto alle primarie di coalizione, senza timori reverenziali verso nessuno e senza lasciarsi intimidire da chi gli contesta l’ “eresia” di essere apertamente avverso ai paradigmi nefasti che ispirano il Governo Monti; traendo analogo compiacimento dal gentlemen’s agreement che sta contrassegnando la competizione tra Pierluigi Bersani e Matteo Renzi, vorremmo innanzitutto invitare alla riflessione sul seguente intervento:

“L’ARTIGLIO DELLA PALOMBA - NON SAPPIAMO COME O CHI VOTEREMO, LE BANCHE STROZZANO LE IMPRESE E MILIARDI VOLANO ALL’ESTERO, MA NOI CI CONCENTRIAMO SU FIORITO - COSA C’È DI MEGLIO DI UN CICCIONE SUDATO PER SVENDERE PEZZI DI ENI, FINMECCANICA, FIAT? - I COLLEGHI GIORNALISTI SONNECCHIANO DIVERTITI DAL “COLORE”, I DIRETTORI INCASSANO QUALCHE COPIA IN PIÙ, GLI EDITORI SONO PAZZI DI GIOIA PERCHÉ NESSUNO LI MARCA STRETTI E POSSONO DEDICARSI AI LORO VERI AFFARI…”, pezzo per DAGOSPIA del 3 ottobre 2012, riproducente un articolo di Barbara Palombelli per IL FOGLIO (clicca per leggere).

Ecco, forse è il caso che, in un simile contesto, icasticamente rappresentato dalla Palombelli (un contesto nel quale i “padroni del vapore” sovra-nazionali tenteranno di azzoppare la credibilità della classe politica purchessia, onde veicolare la rabbia sociale verso questa e distrarla dai grandi manovratori che intanto cinesizzano l’Italia e l’Europa), PD, SEL, IDV, ma forse anche il Movimento 5 Stelle, si mettano in testa di smussare gli angoli, e inizino ad immaginare, anche per dopo il voto del 2013, la creazione di Un Nuovo Fronte Progressista per l’Italia.
Che possa costituire un esempio, anche per l’Europa.
E di tutto ciò continueremo a parlare nei prossimi contributi.

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 3-8 ottobre 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it