Content Banner  

 

Pierluigi Bersani non si faccia scavalcare a sinistra da Silvio Berlusconi. Monti è sempre stato molto più a destra (economicamente) di entrambi: ed è ora di ristabilire questa semplice verità

 

 

 

 

Per l’intanto, consigliamo Pierluigi Bersani di leggersi con attenzione

In Difesa (una tantum) del Fratello Silvio Berlusconi (clicca per leggere).

Poi, auspichiamo che non voglia gettare al vento le chances di vittoria elettorale e politica che attualmente sono dinanzi a lui e a tutta la coalizione di centro-sinistra.
E’ tempo di mollare definitivamente ogni compromissione con quello che è stato il peggiore e più nefasto governo di ultra-destra (sul piano economico) della storia repubblicana.
Non si lasci a Berlusconi di potersi presentare come il paladino degli interessi popolari contro il montismo e l’Austerità perversa e omicida che questo ha propugnato.
Caro Bersani, se hai vinto le primarie è perché ti sei preventivamente alleato con Vendola, SEL e le ragioni di chi pretende una svolta rispetto alla famigerata Agenda Monti.
Se hai battuto Renzi, è perché l’elettorato ha compreso che il “Blair de noantri” proponeva, per sua stessa ammissione, ricette non troppo dissimili da quelle operate e perseguite dai tecnocrati europei al soldo della grande finanza reazionaria globale.
Caro Bersani, molla gli Enrico Letta, i Giuseppe Fioroni, i Walter Veltroni, etc. alle loro stanche litanie pro-montiane: seguire  le loro ciance potrà farti soltanto perdere voti, come mostrano i sondaggi più seri e accreditati.
Molla qualsivoglia ipotesi di alleanza con Casini & Compari: che vadano a farsi friggere in un “Centro” pieno di generali e colonnelli da sfamare, ma privo di truppe e seguito popolare.
Tira dritto per una strada autenticamente riformista e progressista che metta al primo posto una nuova stagione di strategie keynesiane per l’Italia e per l’Europa.
E se venissero a cercare di “corromperti” come hanno fatto con il “compagno” Hollande, sappi che il francese non se la passa molto bene dopo aver rinnegato le promesse pre-elettorali (ridefinizione del fiscal compact, eurobonds, etc.) e che tutti prevedono, se non riprenderà la via maestra su cui aveva ottenuto il consenso, una sua prematura morte politica.
In campana, caro Bersani: si può anche arrivare a Palazzo Chigi, ma se si pensa di tergiversare con il solito cerchiobottismo, prima o poi i Padroni del Vapore (che momentaneamente potranno blandirti) ti fanno silurare e ti sostituiscono con persone di loro più stretta fiducia, senza che il tuo elettorato – disilluso e rabbioso – muova un dito per salvarti.
OPORTET MEDITARE…

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 10 dicembre 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it