Content Banner  

 

Nino Galloni Presidente del Consiglio di un Governo-Lega M5S?

 

 

 

Invitiamo alla visione di:

https://www.youtube.com/watch?v=m8IXZytJym8

coadiuvata da queste osservazioni del nostro leader Gioele Magaldi:

 

“Memento ai vertici leghisti e pentastellati e appello ai cittadini che votano sulla piattaforma ROUSSEAU e/o che vorranno farsi sentire dai propri dirigenti nei prossimi giorni. Peraltro, a coloro che stanno votando sulla piattaforma ROUSSEAU sul “contratto” tra Lega e 5 Stelle, consiglio anche l’attenta lettura di https://www.movimentoroosevelt.com/news/per-dipartimento/ufficio-stampa/comunicato-stampa-movimento-roosevelt-governo-lega-m5s-e-massoneria.html .

In effetti, se c'è un personaggio che è apprezzatissimo dalle vostri basi elettorali, che ha insegnato l'economia tanto alle classi dirigenti pentastellate che alla scuola politica della Lega, che ha la storia personale, il pedigree e l'autorevolezza per implementare e tradurre in prassi di governo quotidiana un accordo politico Lega-M5S, quello è NINO GALLONI, Vicepresidente del metapartitico Movimento Roosevelt.
Magari non sarà subito compresa la lungimiranza e l'importante opportunità sottesa a questa proposta (come fu fatto a proposito del Comune di Roma da parte del solo M5S, tempo addietro), ma sono certo che, gradualmente, questa ipotesi potrebbe concretizzarsi, sia perché è impossibile trovare una figura che possa riscuotere altrettanto consenso da parte di entrambi gli elettorati, sia perché un altro premier incaricato al posto di GALLONI, probabilmente, non sarebbe in grado di “durare”, lungo la perigliosa navigazione politica nazionale e internazionale che attende l’eventuale esecutivo “giallo-verde”.
E se poi proprio non si vogliono capire e sentire ragioni, tanto più varranno le considerazioni annunciate in Il Partito che serve all’Italia: PDP, PSL, UDS o cosa? Il nome conta relativamente, ma la sostanza non potrà non essere democratica, popolare, progressista e social-liberale e diventerà sempre più urgente la formalizzazione di un nuovo partito politico nuovo di zecca, che aiuti Lega e M5S a “maturare” o, nel caso di loro bluff e insuccesso governativo, si candidi a mandare a casa tutta la classe politica presente attualmente in Parlamento e sulla scena istituzionale.”

 

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 13-18 maggio 2018 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it