Content Banner  

 

L’Articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori e l’Associazione “Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal” (a cura di DRP e GOD)

 

 

 

 

Si parla molto, e a vanvera, di articolo 18 dello Statuto dei Lavoratori, della sua rimozione o conservazione, e cosi via.
Invece, i promotori della costituenda Associazione “Eleanor Roosevelt” ritengono che il problema vada affrontato in modo radicale e rivoluzionario.
Come?
Si dia agli imprenditori la facoltà di assumere oggi e di licenziare anche domani.
Si, avete capito bene: si dia loro questo diritto totale, benché regolato da precise norme a tutela dei lavoratori (retribuzione congrua, sicurezza, previdenza, dignità nei rapporti aziendali, etc.).
Ma, contestualmente, si costituzionalizzi universalmente il diritto al lavoro dignitosamente retribuito per ogni individuo e il dovere di perseguire la piena occupazione (con una diversificazione di mansioni e retribuzioni in base alle capacità, alle competenze, al merito e ai talenti, naturalmente) da parte delle istituzioni pubbliche.
Insomma, si bypassi il dilemma stucchevole articolo 18 si-articolo 18 no con le prospettive paradigmatiche esplicate in

Manifesto sintetico di presentazione dell'Associazione Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal, a cura di Cesare Trevisanut, DRP e GOD (clicca per leggere)

Bozza di Statuto dell'Associazione "Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal", completa  di articoli e con norma relativa alle associazioni territoriali collaterali pre e post-costituenti. Aggiornamento del 7-12 settembre 2014 (a cura di DRP e GOD) (clicca per leggere)

Anagrafe degli aspiranti costituenti dell'Associazione "Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal" (a cura di DRP e GOD). Aggiornamento del 7-12 settembre 2014 (clicca per leggere).

In particolare, si legga al riguardo il seguente passaggio della “Bozza di Statuto”, articolo 3 (Scopi associativi), comma 6:

 

“Tra le più epocali e significative concretizzazioni dei diritti umani stabiliti nella Dichiarazione Universale del 1948 che l’Associazione “Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal” intende implementare, anche giuridicamente, c’è la determinazione di rendere stampato a lettere di fuoco, in ogni ordinamento costituzionale del pianeta (a partire dall’Italia e dall’Europa), il principio della piena occupazione lavorativa per tutti e per ciascuno. Stiamo parlando del fatto, cioè, di rendere universale, inconculcabile e concretamente operativo il diritto ad un lavoro equamente e dignitosamente retribuito; diritto al lavoro, d’altra parte, declinato certamente in modo liberale e pluralistico nelle responsabilità e nelle retribuzioni, in base a competenze, talenti e meriti dei diversi individui. Accanto a tale diritto, reso universalmente valido e vigente (nessuno, per legge, a meno che non sia privo di capacità lavorativa per problemi vari di natura psico-fisica- e in tal caso sarà assistito adeguatamente con una pensione dignitosa e adeguata ai propri bisogni esistenziali- e a meno che non rinunci liberamente a lavorare, provvisoriamente e/o reiteratamente, per ragioni personali e senza costrizione/induzione forzata di terzi; nessuno, lo ripetiamo, potrà più essere messo in condizione di trovarsi disoccupato e privo di reddito dignitoso), la ER rivendicherà e promuoverà una complementare tutela costituzionale e giuridica per gli imprenditori, messi in condizione di poter assumere o licenziare i propri dipendenti anche dall’oggi al domani, a proprio insindacabile giudizio, benché in ottemperanza e rispetto di ovvi vincoli contrattuali pattuiti liberamente tra le parti al momento dell’assunzione (comunque in conformità a certi parametri minimi di retribuzione adeguata e dignitosa, utili a sostenere il progetto di vita di ogni singolo lavoratore). Le categorie imprenditoriali, affrancate così da lacci e lacciuoli e finalmente invogliate a correre sempre il rischio di assumere, qualora se ne presenti l’occasione-  e però libere di licenziare, per qualunque ragione, sia per motivi di contrazione produttiva che per cause di incompatibilità funzionale/ambientale/caratteriale con determinati lavoratori-, con le loro assunzioni contribuiranno pro quota al principio della piena occupazione, mentre gli eventuali licenziamenti saranno subito compensati, a beneficio dei lavoratori interessati, con immediate nuove assunzioni in altre aziende del settore pubblico o privato, sotto l’attento controllo di una istituenda Alta Autorità per la Piena Occupazione di tutti e di ciascuno. All’interno di tale Alta Autorità per la Piena Occupazione di tutti e di ciascuno, capillarmente insediata e operativa con propri organismi locali sui vari territori, coordinati a livello nazionale e sovra-nazionale da dirigenti di particolare sapienza e lungimiranza, sarà possibile rigenerare anche il ruolo storico dei Sindacati (integrati in questa Alta Autorità in posizioni chiave di comando e gestione, insieme ad alti rappresentanti del mondo dell’industria, dei commerci, delle libere professioni, etc.), negli ultimi decenni divenuti molto appannati, inconcludenti e inefficaci nella tutela sia degli occupati che dei disoccupati.
Ad integrazione di tali iniziative sul fronte del lavoro, reso diritto universale concreto di tutti e di ciascuno; e della libera iniziativa imprenditoriale, resa diritto universale concretamente attuabile senza vincoli obsoleti e contro-producenti tanto per gli imprenditori che per i lavoratori e le stesse organizzazioni sindacali, l’Associazione ER intende riformare radicalmente anche la riscossione fiscale e abbassare drasticamente le aliquote di tutte le imposte, dirette e indirette.
L’Associazione ER, infatti, profonderà particolari e reiterati sforzi per informare adeguatamente sia la pubblica opinione che i media e le classi dirigenti italiane ed extra-italiane sul carattere mistificatorio, manipolatorio e truffaldino della cosiddetta
isteria da debito pubblico e del presunto rigore nei conti pubblici che si vorrebbe altrettanto presunta pietra miliare di qualsivoglia progetto politico-economico presuntivamente serio e responsabile. In realtà, andrà spiegato al comune cittadino, così come agli operatori mediatici e a tutti i vari esponenti delle classi dirigenti italiane ed extra-italiane, che un sistema economico complesso come quello di nazioni ricche e industrializzate (e l’Italia e le altre nazioni europee, pur con ovvie differenze qualitative e quantitative le une dalle altre, lo sono tutte) può dotarsi di deficit di bilancio e disavanzi debitori pubblici che non abbiano altro limite al di fuori di eccessive spinte inflattive nel sistema stesso.
In buona sostanza, andrà compreso adeguatamente e spiegato
urbi et orbi che il debito privato di una famiglia, di un singolo individuo, di un gruppo o di una azienda non sono minimamente assimilabili e comparabili al debito pubblico di una entità statuale sovrana (poco importa se di natura nazionale o sovra-nazionale, a struttura federativa), come invece- con dolo mistificatorio, manipolatorio e truffaldino- viene raccontato da decenni all’opinione pubblica, da parte di media spesso asserviti a potentati oligarchici privati che hanno tutto l’interesse a veicolare simili, spudorate menzogne.
Infatti, semplificando al massimo la questione in questa sede statutaria, per opportuni fini esplicativo-divulgativi, mentre il debito di una entità privata (individuo, famiglia, gruppo o azienda) deve essere prima o poi rimborsato integralmente, e chi ne sia titolare può farlo solo aumentando le proprie entrate e diminuendo le proprie uscite (principio di
austerità,  risparmio e ordine nei conti), il debito di una entità statuale pubblica è soltanto un numero (anche altissimo e fantasmagorico: tanto non cambia nulla e non giustifica l’isteria in mala fede o in buona fede di chi vaneggi nel parlarne con allarmismo sgangherato, come se si trattasse di un debito analogo a quello privato) che descrive/riassume quanta valuta eccedente le entrate pubbliche ordinarie, procacciata o meno (lo Stato potrebbe anche stampare monetafiat senza emissione di buoni del Tesoro, se volesse) mediante la vendita di titoli di Stato (titoli di Stato: cioè promesse di pagamento di determinati interessi agli acquirenti/possessori di tali titoli e dei capitali corrispondenti, che magari investono i propri risparmi in questo modo, con un ricambio costante di investitori, che rende materialmente impossibile il rimborso simultaneo di tutto il capitale e degli interessi complessivi da parte delle casse statali) sia stata messa in circolazione per finalità di interesse pubblico (dunque a beneficio della collettività dei privati che, uniti in comunità costituzionalmente ordinata, sono anche fruitori pro-quota di tale interesse pubblico). Ma il denaro, una entità statuale sovrana (messa al riparo dal divorzio criminale tra propria Banca Centrale e Dipartimento governativo del Tesoro: una misura che, ovunque sia stata presa, ha avuto ricadute funeste per la prosperità generale della comunità che l’abbia adottata, andando invece a favore degli azionisti privati entrati nel capitale di tale Banca Centrale di diritto pubblico e di gruppi finanziari privati che intendano lucrare- economicamente, ma anche politicamente- sull’indebolimento delle finanze e degli stessi poteri pubblici democraticamente legittimati) lo può stampare liberamente e senza alcun vincolo di bilancio (a differenza di una entità privata), perché essa stessa è fonte di sovranità e padrona della sua valuta. L’unico vincolo che una entità statuale sovrana (la quale potrebbe anche creare moneta direttamente senza ricorrere all’espediente indiretto della messa in vendita di titoli di Stato) deve porsi nella creazione e nella veicolazione di valuta all’interno di un dato sistema economico è quello di gestire sapientemente le eventuali spinte inflattive eccessive (ma ci sono momenti in cui un certo tasso d’inflazione ha ricadute positive sia sul settore pubblico che su quello privato di un dato sistema complesso di relazioni economiche). Ed ecco che, a tal riguardo, interviene la tassazione, il cui vero e scientifico scopo non è drenare risorse per alimentare la spesa pubblica ordinaria e straordinaria (una entità statuale sovrana che batta una propria moneta non ne ha alcun bisogno), quanto unificare un dato sistema monetario (originariamente, costringere i cittadini a pagare le tasse in una certa valuta equivaleva a indurli ad utilizzare quella valuta anche per altre transazioni, se non altro per procurarsi tale valuta con cui soddisfare le imposizioni del fisco) e, appunto, tenere a freno l’inflazione. Ma se le cose stanno così, il livello di tassazione e la misura delle varie aliquote fiscali non deve essere determinato in proporzione ad inesistenti necessità di finanziare per questa via la spesa pubblica (che si finanzia da sé, a partire da un potere sovrano statuale, con emissione di moneta sovrana e prescindendo dal gettito fiscale come tale), quanto in rapporto agli equilibri tra spinte inflattive e deflattive che insistano in un certo sistema economico.
E nel quadro dell’attuale situazione italiana – con un carico fiscale eccessivo e vessatorio da parte di uno Stato inefficiente e fellone, il quale pretende anche di essere pagato in termini rapidissimi, perentori e con notevoli multe e more in aggravio, mentre per canto suo infrange le leggi ordinarie e le norme europee e del buon senso, rifiutandosi di onorare i suoi crediti verso i cittadini fornitori d’opera- non v’è dubbio che occorra abbassare drasticamente tutte le aliquote fiscali, probabilmente in misura anche maggiore di 10-15 punti percentuali.
Soltanto in un simile contesto di netta riduzione fiscale a carico di tutte le categorie lavorative- sia del settore pubblico che di quello privato- e di tutti i redditi, dai più alti ai più bassi, passando per i medi, potrà avere senso un’altra proposta che l’Associazione ER intende promuovere, non per risolvere un inesistente problema di aumento del gettito fiscale, ma solo per razionalizzare e rendere equa la ripartizione delle tasse rispetto ai vari soggetti contribuenti. Tale proposta consiste nella totale informatizzazione
ab origine (con softwares obbligatori forniti ai soggetti contribuenti direttamente da funzionari pubblici addetti alla riscossione, i quali abbiano così un quadro capillare, fedele e aggiornato in diretta delle entrate e delle uscite su cui applicare i nuovi, infinitamente più bassi e dunque più equi e ragionevoli, parametri fiscali) dei rapporti fiscali tra Stato da un lato e aziende private, titolari di partite IVA etc. dall’altro, nei termini originali ed efficaci che avremo cura di ufficializzare in seguito, partendo dai contributi in tal senso già formulati con modalità pionieristiche e lungimiranti dal dott. Michele Sabatino, che tali contributi ha anche avuto cura di inviare formalmente all’attenzione del Governo Renzi I, senza tuttavia ricevere sinora adeguati riscontri in merito ai suoi preziosi suggerimenti. Naturalmente, tale informatizzazione capillare e ab origine dei rapporti fiscali tra privati e Stato potrà divenire efficace solo in presenza di un regime sistematico di facoltà di scaricare determinate spese per prestazioni professionali varie, in assenza del quale viene a cessare quel controllo incrociato tra dichiarazioni dei redditi di liberi professionisti, artigiani, imprese, etc. e dichiarazioni dei fruitori di certi servizi, che solo può garantire un controllo fiscale omogeneo, scientifico ed equo. In questa prospettiva, si farà tesoro di certe suggestioni ispirate dalle analisi del prof. Sergio Magaldi.
Al lume di tutte queste istanze, peraltro, l’Associazione “Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal” intende correggere la traiettoria assunta ai nostri giorni dalla cosiddetta globalizzazione. E cioè, dopo le merci e i capitali, di cui certo era giusto- salvo alcuni particolari casi- favorire la libera circolazione globale, è ora venuto il momento di globalizzare i diritti politici, civili ed economici più avanzati a beneficio di ogni popolo e singolo abitante del pianeta. Compreso l’universale diritto ad un lavoro dignitoso ed equamente retribuito per tutti e per ciascuno. Senza contare che: globalizzazione e libero commercio non devono tramutarsi- come pure è accaduto e accade, specie nel settore agro-alimentare- in egemonia planetaria di grandi multinazionali dell’alimentazione, a scapito della qualità specifica di determinati prodotti locali, i quali vanno invece tutelati sia a beneficio dei produttori (orientati meritoriamente nella difesa di importanti tradizioni qualitative) e dei consumatori finali, sia a salvaguardia della cosiddetta biodiversità naturale. Analogo discorso va fatto per quel che riguarda la tutela/rigenerazione dei paesaggi e dell’ambiente, coniugando la liberà globale di intraprendere e proporre trasformazioni utili dei territori per ragioni di sviluppo civile, tecnologico, industriale e commerciale, e il diritto locale di preservare delle specificità naturali che sono parte integrante del benessere esistenziale complessivo di determinate comunità. La parola d’ordine, insomma, che sarà proposta in termini incessanti e militanti da parte dell’Associazione “Eleanor Roosevelt per il Socialismo Liberal”, è e sarà “GLOCAL”, una sintesi terminologico-concettuale già elaborata dal dibattito intellettuale più libero e avanzato, che mette insieme due significanti solo apparentemente contrapposti: GLOBAL e LOCAL.”

 

Altro che dibattiti interminabili sul sesso degli angeli e su riforme del lavoro che produrranno soltanto nuova disoccupazione e precarietà… peraltro garantite anche dal mantenimento dello status quo…

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

con

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com)

[ Articolo del 2 ottobre 2014 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it