Content Banner  

 

Fabio Scacciavillani Manipolatore esperto che smaschera le manipolazioni di Silvio Berlusconi. Commento di DRP a “Il ritorno di Berlusconi e la Neuroscienza del Conformismo”, articolo del 18 luglio 2012 by Fabio Scacciavillani per IL FATTO QUOTIDIANO

 

 

 

 

Ineffabile come sempre Fabio Scacciavillani.
Di lui, tra Noi di DRP e i Massoni di GOD, ci siamo già occupati in

Commento di Grande Oriente Democratico a “MMT, per i miracoli ci stiamo attrezzando”, articolo del 6 marzo 2012 by Fabio Scacciavillani per IL FATTO QUOTIDIANO (clicca sopra per leggere)

Fabio Scacciavillani e la MMT. Commento di Democrazia Radical Popolare a “Forza Zecca! Berlusconi lancia la MMT”, articolo del 4 giugno 2012 by Fabio Scacciavillani per IL FATTO QUOTIDIANO (clicca per leggere)

e più marginalmente anche in

Democrazia Radical Popolare fra le contraddizioni de IL FATTO QUOTIDIANO e una prima, aurorale presentazione del libro di Emiliano Brancaccio e Marco Passarella, “L’austerità è di destra. E sta distruggendo l’Europa”, il Saggiatore, Milano 2012 (clicca sopra per leggere).

Adesso, con il suo articolo

“Il ritorno di Berlusconi e la Neuroscienza del Conformismo”, articolo del 18 luglio 2012 by Fabio Scacciavillani per IL FATTO QUOTIDIANO (clicca sopra per leggere),

ci costringe a chiosare ancora il suo pensiero maleodorante di manipolazione e mala fede.
Leggendo tale articolo del 18 luglio 2012, infatti, ci troviamo di fronte al classico caso del bue che dice cornuto all’asino.
Fabio Scacciavillani, esempio da manuale di homo manipolatorius in servizio dei negrieri e avvoltoi del Sultanato dell’Oman (non repubblica e nemmeno monarchia costituzionale, proprio Sultanato…, con tanto di Sultano e suoi delegati che vigilano come Padri-Padroni sulla vita materiale e spirituale dei propri sudditi cenciosi, arricchendosi intanto in modo inenarrabile e privato con il petrolio del suolo pubblico e i petrodollari investiti in tutto il Mondo) e dell’establishment teologico ultra-liberista dell’ecumene globale (naturalmente il buon Fabio ha studiato a Chicago e ha lavorato al FMI, alla BCE e alla Goldman Sachs, prima di approdare presso i tiranni della Penisola Arabica…), coordinatore di progetti di investimento (per conto della corte del Sultano) in paesi asiatici e africani dove la manodopera semi-schiavile è assicurata e lo sfruttamento garantito, si accredita presso il pubblico italiano come persona “rispettabile” e anche gradita a Il Fatto Quotidiano (che gli consente di collaborare con un Blog), in quanto contemporaneamente non risparmia stoccate al “manipolatore” Berlusconi e persino al Governo Monti, presunto reo, quest’ultimo, di essere troppo poco iperliberista e seguace ortodosso del “Washington Consensus” (in realtà l’abilità di Monti consiste proprio nel fatto di usare il pugno di ferro in un guanto di velluto…).
Berlusconi è un manipolatore e un bugiardo?
Senza dubbio!
Lo abbiamo anche ricordato nella prima parte del nostro contributo odierno

Berlusconi , Martino e la Scuola Neoliberista di Chicago in gita a Villa Gernetto: il disperato tentativo del Fratello reietto di Arcore per essere ri-accreditato politicamente presso l’establishment massonico reazionario sovra-nazionale / Le false diagnosi politiche del PD /Napolitano farebbe meglio ad occuparsi del Caso Giudiziario di Ginevra Amerighi, piuttosto che della Procura di Palermo (clicca sopra per leggere).

Ma da quale pulpito viene la predica?
Berlusconi riesce periodicamente a far dimenticare al popolo italiota le sue inconcludenze e le sue pessime performances legislative?
Vero.
Le collettività e gli individui dimenticano facilmente il reale svolgimento dei “fatti”, e possono essere agevolmente manipolati da chi ne abbia i mezzi e l’intenzione?
Altrettanto vero.
Così vero che anche Scacciavillani riesce periodicamente a convincere quegli organi mediatici che gli danno ospitalità (dal FQ a qualche trasmissione televisiva) che egli sia un libero pensatore/opinionista amante della libera informazione e del giornalismo economico, mentre invece la sua mission specifica e tetragona è quella di lavorare da classico agente/lobbista infiltrato in area progressista per conto di interessi e danti causa che definire schiavisti, sfruttatori e reazionari sarebbe un eufemismo.
Berlusconi manipola alla luce del sole, ormai, sempre più spesso de-mistificato dai suoi stessi simpatizzanti, ognor più insofferenti e delusi.
Scacciavillani manipola ancora con un minimo di dissimulazione e paludamento (concessogli dalla dabbenaggine altrui), almeno fino a quando anche i suoi (immeritati) simpatizzanti non avranno aperto gli occhi sul suo profilo reale.

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 18-19 luglio 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it