Content Banner  

 

Democrazia Radical Popolare, turandosi il naso, voterà e farà votare sia PD PSI SEL -Patto dei (sedicenti) Democratici e Progressisti-  che RIVOLUZIONE CIVILE e MOVIMENTO 5 STELLE. L’ importante è che ci sia una solida maggioranza di deputati e senatori progressisti e riformatori in Parlamento, alla faccia di Mario Monti, Mario Draghi, Angela Merkel, Herman Van Rompuy, Oli Rehn, Wolfgang Schaeuble e Compari

 

 

 

 

Sul piano delle elezioni regionali nel Lazio, in Lombardia e nel Molise, DRP ha già per tempo espresso il suo impegno per votare e far votare candidati delle coalizioni di centro-sinistra, per le ragioni espresse da ultimo in

Democrazia Radical Popolare ribadisce il voto in favore di Nicola Zingaretti e Daniele Leodori (Regione Lazio), appoggiando Umberto Ambrosoli per la Regione Lombardia e il Centro-Sinistra in generale per il Molise (clicca per leggere),

Nicola Zingaretti +Daniele Leodori, Umberto Ambrosoli, Paolo Di Laura Frattura, sostenuti e votati da Democrazia Radical Popolare(clicca per leggere)

Daniele Leodori sostenuto da Democrazia Radical Popolare (clicca per leggere).

A livello nazionale, applicheremo i principi che ispirano le riflessioni programmatiche contenute in

Chi siamo, da dove veniamo, dove andiamo (clicca per leggere)

10 Serie di Proposte per il Governo dell’Italia dal 2013 in poi. Da Democrazia Radical Popolare al Nuovo Centro-Sinistra (da costruire sulle ceneri del Vecchio) (clicca per leggere).

Dunque, non fidandoci del tutto delle ipotesi sul “Bersani Esoterico”, su cui ci eravamo soffermati in

DRP: Natale e Capodanno portano in regalo il Bersani Esoterico. Sarà credibile, nel suo stesso interesse? (clicca per leggere)

DRP: la Massoneria reazionaria sovranazionale ha già deciso. Per il nuovo governo dell’Italia punta su Bersani + Monti o solo su Bersani in versione “hollandiana”. E il 2013 – in assenza del “Bersani Esoterico”- sarà peggio del 2012 (clicca per leggere)

Il Mercante di Arcore alias Silvio Berlusconi, Paolo Barnard, Emiliano Brancaccio e la Rigenerazione del berlusconismo a Servizio Pubblico di Michele Santoro (clicca per leggere)

DRP: ecco perché le nostre 10 Serie di Proposte per il Governo dell’Italia saranno più che mai necessarie, specie dopo la confusa tornata elettorale di febbraio 2013 (clicca per leggere)

DRP: torna l’ ipotesi del Bersani Esoterico e di un patto segreto (ma non troppo) con Hollande per un autentico fronte progressista europeo comune (clicca per leggere),

lasceremo che parte dei nostri simpatizzanti ed estimatori che si sentono più vicini a PD, SEL O PSI votino questi partiti, riuniti in coalizione nel Patto dei (sedicenti) Democratici e Progressisti (in realtà si possono votare SEL E PD, mentre i socialisti del PSI alle elezioni nazionali sono in lista con il Partito Democratico e non autonomamente) guidato con grande mediocrità, stitichezza programmatica e sonnolenza da Pierluigi Bersani.
Ti diamo una mano, Bersani, anche se hai fatto di tutto per non meritarlo.
Tuttavia, in luogo di indurre tutti coloro che in qualche misura partecipano del nostro network a far convergere i propri suffragi esclusivamente in favore di Bersani (e Nencini)+ Vendola , abbiamo suggerito e suggeriamo di distribuire il voto anche in vantaggio di RIVOLUZIONE CIVILE e MOVIMENTO 5 STELLE.
Ciò non sembri in contraddizione con i diversi rilievi critici espressi a proposito della Formazione di Beppe Grillo (vedi, da ultimo, Commento di DRP a “La mia dichiarazione di voto”, articolo by Sergio Di Cori Modigliani per LIBERO PENSIERO, clicca per leggere).

Infatti, votiamo e facciamo votare PD (+ PSI) e SEL, RIVOLUZIONE CIVILE e MOVIMENTO 5 STELLE turandoci il naso e alzando alquanto il sopracciglio, per il fatto che nessuna di queste formazioni presa singolarmente – e nemmeno tutte prese insieme – sono ancora all’altezza di quelle

10 Serie di Proposte per il Governo dell’Italia dal 2013 in poi. Da Democrazia Radical Popolare al Nuovo Centro-Sinistra (da costruire sulle ceneri del Vecchio) (clicca per leggere),

che, sole, potranno favorire l’alba di un Nuovo Fronte Progressista per l’Italia e per l’Europa.

D’altra parte, Democrazia Radical Popolare, operando come ha dichiarato di fare (mobilitando voti per queste differenti “coalizioni” e movimenti), intende contribuire a perseguire e a conseguire il fine di formare un Nuovo Parlamento italiano in cui vi sia una solida maggioranza trans-partitica di progressisti e riformatori.
Una maggioranza trans-partitica in grado di prendere a pernacchie soprattutto le mire funeste, anti-italiane e anti-europee (nei fatti, al di là della facile retorica manipolatrice che ha fatto di Strasburgo, Bruxelles e Francoforte degli IDOLA e dei FETICCI, invece che le capitali di un sentimento comune di affezione e apprezzamento da parte dei popoli europei) di “SCELTA CINICA per Mario Monti”, con buona pace del ravvedimento tardivo- da parte di Berlusconi + Tremonti e  Lega- in merito a provvedimenti suicidi come il pareggio di bilancio costituzionale e le misure di austerità e tagli lineari, propugnate proprio dal Ministro dell’Economia dell’ultimo Governo Berlusconi, ben prima che a Palazzo Chigi e a Palazzo delle Finanze sedesse il deretano masnadiero e infingardo di Mario Monti e di Vittorio Grilli.

Una maggioranza trans-partitica dal PD al Movimento 5 Stelle che, se gli intenti di Silvio Berlusconi su una nuova politica europea sono seri e affidabili, potrà concordare con il principale leader dell’opposizione una comune strategia parlamentare di riforma sostanziale dei trattati europei, per il bene del popolo italiano e di tutte le altre genti del Vecchio Continente, a partire dai poveri greci, abbandonati vilmente e vergognosamente ad un destino infame.

Ma, GUAI al PD e a PIERLUIGI BERSANI se oserà anche solo lontanamente accennare, a elezioni avvenute, a qualche forma di collaborazione con il Becchino dell’Italia e dell’Europa, quel Mario Monti circondato non per caso dall’apprezzamento di altri MASNADIERI E AVVOLTOI SUOI PARI come Mario Draghi, Angela Merkel, Herman Van Rompuy, Oli Rehn, Wolfgang Schaueble, etc., ma schifato dalla stragrande maggioranza degli elettori italiani.

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 21-24 febbraio 2013 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it