Content Banner  

 

Democrazia Radical Popolare e Grande Oriente Democratico alle Elezioni comunali 2013 per VITERBO sostengono LEONARDO MICHELINI CANDIDATO SINDACO e MARIO SILVESTRI CANDIDATO CONSIGLIERE COMUNALE cui dare la preferenza

 

 

 

 

Con lo stesso spirito con cui GOD e DRP hanno sostenuto la candidatura vincente di Nicola Zingaretti alla Regione Lazio e hanno contribuito a determinare la ricca messe di preferenze per il candidato consigliere regionale Daniele Leodori, poi risultato il più votato con oltre 22.000 suffragi, ed eletto pertanto Presidente del Consiglio Regionale del Lazio (vedi in proposito tutti i documenti riportati in Democrazia Radical Popolare e Grande Oriente Democratico fanno le felicitazioni a Nicola Zingaretti per l'insediamento alla Regione e si congratulano con Daniele Leodori per essere stato il candidato più votato nel Lazio, clicca per leggere, e in Democrazia Radical Popolare e Grande Oriente Democratico si congratulano con il Consiglio Regionale del Lazio che alcuni giorni fa si è scelto come Presidente Daniele Leodori, clicca per leggere); con analoga convinzione rispetto a quella che ci sta facendo impegnare in pubblico e in privato a favore della candidatura di IGNAZIO MARINO a SINDACO di ROMA (vedi Democrazia Radical Popolare e Grande Oriente Democratico si congratulano con Ignazio Marino e si impegneranno a suo favore per l'imminente elezione al Campidoglio come nuovo Sindaco di Roma Capitale, clicca per leggere, e tutti i contributi analoghi pubblicati in questi giorni sui siti di www.democraziaradicalpopolare.it e www.grandeoriente-democratico.com ), affermiamo ufficialmente di sostenere e dare indicazione di voto a vantaggio di

LEONARDO MICHELINI  quale CANDIDATO SINDACO di VITERBO

MARIO SILVESTRI quale CANDIDATO CONSIGLIERE COMUNALE cui dare la preferenza sull’apposita scheda elettorale

Certo, complice anche l’insipienza pluriennale di alcuni capi storici del PD a Viterbo (Giuseppe Fioroni in testa), l’impresa di Leonardo Michelini di diventare primo cittadino, sbaragliando il sindaco uscente Giulio Marini (sostenuto da PDL ed altri), appare davvero difficile, accidentata e molto in salita.
Tuttavia, il profilo di LEONARDO MICHELINI attira simpatia anche per questa un po’ “eroica” solitudine rispetto agli apparati sclerotizzati di partito, per questo suo essere anzitutto esponente valido e rispettato della società civile: autonomo, quindi, anche in relazione a quanto, in termini di cattiva politica, da quegli apparati proviene.
LEONARDO MICHELINI, insomma, anche grazie alla sua autonomia e indipendenza come uomo di “centro-sinistra” non infeudato a questa o a quella corrente pre-determinata di tale o tal altro partito, potrebbe risultare un candidato azzeccato per rilanciare VITERBO dopo l’amministrazione certo non brillante di Giulio Marini.
Suggestivo, in proposito, il ritratto che di MICHELINI viene offerto in

“Leonardo Michelini solo alla meta”, articolo del 23 maggio 2013 by Andrea Arena per VITERBO POST (clicca per leggere).

Per avere un’idea più chiara dell’interessante programma elettorale di LEONARDO MICHELINI, rinviamo al suo sito ufficiale www.michelinisindaco.eu (clicca per accedere).

Questi, necessariamente condensati in modo sintetico, i capisaldi di tale programma:

10 punti per un’impresa possibile
Lavoro
Favorire la nascita di imprese e cooperative di giovani a cui affidare alcuni dei servizi attualmente esternalizzati (raccolta differenziata, manutenzione del verde e dei beni archeologici). Creazione di un marchio turistico e di un circuito archeologico-termale –agroalimentare, anche in collaborazione con l’università della Tuscia. Poggino polo tecnologico e commerciale.
Sviluppo, green economy e ambiente
Sviluppo attraverso modelli di sostenibilità ambientale e con l’impiego di nuove tecnologie per il risparmio energetico. Viterbo vero capoluogo della Tuscia, competitiva e protagonista nel Lazio e nel centro Italia. Raggiungimento del 65% della raccolta differenziata con il porta a porta. Tutela e riqualificazione del verde pubblico.
Cultura
Sviluppare un’economia della cultura attraverso l’attivazione di processi di start up per la formazione di giovani imprese e nuove figure professionali. Impegno per far diventare la città e le sue risorse patrimonio mondiale dell’Unesco.
Istruzione e Università
Potenziamento degli asili nido pubblici e miglioramento delle qualità di servizio. Distribuzione omogenea degli istituti scolastici per tutte le fasce d’età. Messa in sicurezza delle strutture esistenti. Patto per la scuola per l’integrazione degli alunni stranieri. Revisione del trasporto pubblico scolastico con modalità alternative come carpooling e piedibus attraverso processi partecipativi delle famiglie. Controllo della qualità dei prodotti somministrati nelle mense scolastiche (vedi Agricoltura). Valorizzazione delle attività di ricerca e incremento dei rapporti tra università e imprese.
Sanità, politiche sociali, giovanili e sport
Potenziamento dell’intero sistema del welfare con sostegno alle famiglie e alle categorie sociali più deboli. Sportello di ascolto e aiuto alle donne in difficoltà. Viterbo città a misura di bambino con il recupero dei parchi gioco e delle aree ludiche. Potenziamento della rete dei servizi territoriali (ambulatori, consultori). Azioni specifiche volte alla soluzione del problema arsenico nelle acque, di concerto con l’Università e con le strutture regionali. Attività di promozione dello sport e valorizzazione dell’impiantistica comunale.
Urbanistica, trasporti e centro storico
Proseguire nella disamina del nuovo PRG per riqualificare il tessuto urbanistico esistente e adeguare eventuali aree non completate. Recupero abitativo del centro storico e di volumi edilizi dismessi con interventi di efficientamento energetico. Revisione della viabilità con recupero urbanistico di aree marginali. Potenziamento del trasporto pubblico locale. Nuovo piano generale della viabilità e revisione del sistema di accesso al centro e ai parcheggi. Restituire al centro storico servizi e attività commerciali. Attuazione di un piano dell’arredo e del decoro urbano.
Agricoltura
Promozione delle produzioni agroalimentari a filiera corta e a chilometro zero con impiego dei prodotti nelle mense scolastiche di ogni grado. Impiego della multifunzionalità dell’agricoltura (fattorie didattiche e vendita diretta).
Terme
Recupero delle ex Terme Inps attraverso un bando pubblico. Potenziare le eventuali attività connesse allo sviluppo termale. Dotare le aree delle terme naturali di servizi igienici, spogliatoi, punti di ristoro. Creazione di un parco termale legato ai siti archeologici, in grado di essere competitivo nell’ambito dei circuiti turistici.
Pubblica amministrazione
Trasparenza per garantire ai cittadini la possibilità di accedere agli atti e di controllare direttamente ogni passaggio della vita amministrativa. Ottimizzazione del lavoro degli uffici amministrativi.
Frazioni
Recupero del ruolo delle frazioni come elemento integrativo culturale, economico e sociale dell’intera comunità viterbese. Decentramento di alcuni servizi comunali nelle frazioni.

Questo il patto stretto con il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti:

Un patto per Viterbo

Il patto siglato da Nicola Zingaretti e dal candidato sindaco Leonardo Michelini
Il patto firmato


L’incontro con il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti avvenuto il 16 maggio presso la sala della Provincia si è rivelato qualcosa di più di un semplice meeting elettorale. L’obiettivo era quello di individuate delle priorità progettuali per favorire lo sviluppo e la crescita della nostra città, 6 proposte concrete in sinergia con la Regione Lazio per rispondere alla domanda di concretezza dei cittadini viterbesi. Ecco il documento finale sottoscritto dal presidente e dal candidato sindaco Leonardo Michelini:

Completamento della trasversale Orte – Civitavecchia
La giunta regionale, dopo aver sbloccato l’appalto relativo al tratto Cinelli – Monteromano, si impegna ad accelerare, con il governo nazionale e Anas spa, l’iter per il completamento dell’opera: valutazione sul progetto definitivo, acquisizione dei pareri preventivi, tempi, modalità ed investimenti certi.
Rilancio dell’area termale
La giunta regionale si impegna a verificare la possibilità a trasferire nelle disponibilità del Comune di Viterbo l’ulteriore 50% del patrimonio dello stabilimento Ex Inps, per favorire un progetto di recupero e rilancio della struttura, come polo termale d’eccellenza.
Sostegno alle start up e alla formazione
La giunta regionale si impegna a sostenere specifiche iniziative per la nascita di nuove attività imprenditoriali, attraverso progetti di Start Up d’impresa, sui settori della cultura, del turismo e del cibo, e a sostenere, sempre su questi temi, l’innovazione e il rafforzamento dei percorsi formativi, anche in collaborazione con l’Università della Tuscia. (Master in Gestione dei beni culturali).
Rilancio delle aree artigianali e produttive
La giunta regionale si impegna a sostenere un programma di interventi teso ad ammodernare, riconvertire e rilanciare le aree artigianali e produttive viterbesi (Acquarossa e Poggino), anche attraverso specifici provvedimenti legislativi, sia nel campo delle politiche industriali sia nel campo della semplificazione del sistema, per favorire il rilancio del territorio e delle sue vocazioni, rafforzando le politiche a sostegno delle reti di impresa.
Rilancio del centro storico
La giunta regionale si impegna a siglare con il Comune di Viterbo un patto per la valorizzazione culturale e turistica del centro storico, all’interno del quale dovrà giocare un ruolo fondamentale il rilancio del tessuto delle piccole imprese commerciali e artigianali.
Tutela dell’ambiente e della salute dei cittadini
La giunta regionale si impegna a salvaguardare l’integrità ambientale della Tuscia, a partire dalla costruzione di una nuova ed efficiente gestione del ciclo dei rifiuti che punti sullo sviluppo della raccolta differenziata porta a porta e delle filiere del riuso e del riciclo. Si impegna inoltre alla soluzione del problema dell’arsenico nelle acque con l’impiego nell’immediato di dearsenificatori, e nel medio periodo adottando una serie di interventi infrastrutturali sulla rete idrica in grado di giungere alla soluzione definitiva del problema attraverso l’approvvigionamento di acque di buona qualità.

Torneremo con altri contributi, di qui al 26-27 maggio 2013 (date in cui si vota per eleggere il nuovo sindaco e il nuovo consiglio comunale di Viterbo), sulle motivazioni per le quali sarebbe bene eleggere LEONARDO MICHELINI NUOVO SINDACO DI VITERBO.

Ora, però, vogliamo soffermarci su un’indicazione che ci viene direttamente dal nostro leader, Gioele Magaldi.
Magaldi Junior conosce bene e stima molto MARIO SILVESTRI, CANDIDATO CONSIGLIERE COMUNALE nelle liste di SEL, a sostegno della candidatura a sindaco di LEONARDO MICHELINI.
Ma MARIO SILVESTRI è apprezzato un po’ da tutta la famiglia Magaldi, tanto che Sergio Magaldi ha dedicato ad una recente e benemerita iniziativa di SILVESTRI un suo godibilissimo articolo:

"Foto antiche nell'ex Principato di Donna Olimpia Pamphili", articolo del 5 aprile 2013 by Sergio Magaldi per LO ZIBALDONE DI SERGIO MAGALDI (clicca per leggere).

 

E questa è l’auto-presentazione che MARIO SILVESTRI fa di sé, rivendicando in pieno un grande amore e un senso di radicamento per quel territorio di San Martino al Cimino che dell’area viterbese costituisce uno dei più preziosi “gioielli” :

 

 

“Figlio di San Martino al Cimino, dove tuttora risiedo, fotografo, documentarista e innamorato della mia terra dalle radici aristocratiche e contadine al tempo stesso.
Nel 1990 ho vinto il festival nazionale “Cinema e Arte” con il documentario “La signora dei Cimini” .
Nel 2011 ho realizzato la mostra fotografica "Lo sguardo di Olimpia, immagini ed emozioni della sua San Martino nel Novecento", che è stata aperta ai visitatori a Palazzo Doria Pamphilij dal 23 luglio al 7 settembre, con grande successo di pubblico e di critica. Nel frattempo non sto con le mani in mano e ne combino di tutti i colori: la mostra ha dato lo spunto per la realizzazione del volume “Novecento, lo sguardo e la memoria", una testimonianza preziosa di un pezzo di Tuscia che si allontana da noi giorno dopo giorno, anno dopo anno, rischiando inesorabilmente di scomparire.
Tutto questo lo faccio spesso solo e con pochi mezzi a disposizione, armato solo dell’amore e della passione, per poter fermare e custodire per le generazioni future una visione della nostra terra e della nostra gente che altrimenti sarebbe destinata all’oblio.
Ho scelto di candidarmi nella lista di Sinistra Ecologia e Libertà-Viterbo Bene Comune per le prossime elezioni amministrative nella convinzione di poter mettere a fuoco alcuni temi che riguardano l’ambiente e soprattutto la mia Terra d’origine: questo fantastico borgo, gioiello di urbanistica riconosciuto nel mondo, non ha bisogno di grandi opere o effetti speciali, ma soltanto di cura (un piano del colore e di incentivi adeguati per il rifacimento delle facciate), di attenzione per i bisogni delle famiglie e degli anziani (collegamenti efficienti, servizi domiciliari e ripristino del parco), di interesse per i monumenti (data la straordinaria potenzialità turistica ed economica, a partire dalla riapertura e utilizzazione del palazzo Doria per i cittadini e i turisti).
Su questi temi e per queste motivazioni i cittadini potranno contare su di me, come sinonimo di garanzia, di impegno e di serietà.

MARIO SILVESTRI

 

Come si vota, a Viterbo (e altrove)?
Eccone l’esplicazione, offerta proprio sul profilo facebook di VITERBO BENE COMUNE che invitiamo tutti a visitare:

Come si vota
da Viterbo Bene Comune (Note) Mercoledì 8 maggio 2013 alle ore 14.11
Ecco le modalità di voto per le elezioni comunali che si svolgeranno il 26 e 27 maggio:
1) Tracciando un segno sul nominativo di uno dei candidati alla carica di sindaco. In tal modo il voto sarà attribuito solo al predetto candidato sindaco, ma non alla (o alle liste) che lo sostengono.
2) Tracciando un segno sul simbolo di una delle liste di candidati al consiglio comunale collegate ai vari candidati alla carica di sindaco. In tal modo il voto sarà attribuito sia alla lista che, automaticamente, al candidato sindaco ad essa collegato. E' anche possibile esprimere sino a due preferenze tra i candidati consiglieri comunali della lista prescelta. Qualora si esprimano entrambe le preferenze è necessario indicare un candidato consigliere uomo ed uno donna.
3) Tracciando un segno sia su uno dei simboli di lista che sul nominativo del candidato alla carica di sindaco ad essa collegato. In tal modo il voto sarà parimenti attribuito tanto al sindaco che alla lista collegata. Anche in questo caso potranno essere espresse sino a due preferenze (un uomo ed una donna) a candidati consiglieri comunali della lista prescelta.
4) Tracciando un segno di voto sul nominativo di uno dei candidati sindaci ed un altro segno di voto su una lista di candidati consiglieri comunali non collegata al candidato sindaco prescelto (voto disgiunto). In tal modo il voto di lista sarà accreditato in base al contrassegno prescelto (come le relative preferenze per i candidati consiglieri), ma quello per il candidato sindaco non seguirà il collegamento di lista, ma verrà attribuito secondo la scelta individuale dell'elettore.

Inoltre si ricorda che:
1) Il nome di ciascun candidato sindaco è prestampato sulla scheda ed è contenuto all'interno di un rettangolo.
2) Le liste sono individuate da simboli circolari.
3) Le preferenze per i candidati consiglieri comunali vanno indicate scrivendone il cognome (e il nome in caso di omonimia) negli appositi spazi accanto al simbolo di lista.

SEL Viterbo 2013

 

E, al di là di come si voti, Noi di DRP e GOD suggeriamo ai cittadini viterbesi di votare in modo convinto LEONARDO MICHELINI come NUOVO SINDACO di VITERBO (per una sana alternanza ai vertici istituzionali della città) e MARIO SILVESTRI come CONSIGLIERE COMUNALE cui dare la propria preferenza.

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

con

I FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com)

[ Articolo del 24 maggio 2013 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it