Content Banner  

 

Democrazia Radical Popolare e GOD: l’Italia elabori il lutto senza Retorica. E imparando a prevenire stragi e disastri, per quanto è possibile. Un Abbraccio con Affetto alla Famiglia di Melissa Bassi e delle altre ragazze coinvolte, così come alle vittime del Terremoto

 

 

 

 

La vicenda del terremoto in Emilia-Romagna e nel Nord Italia impone un lutto sincero per le vittime, compassione e vicinanza per i loro familiari, solidarietà e sostegno concreto per tutte le persone coinvolte e danneggiate, da parte della società civile e delle Istituzioni.
Democrazia Radical Popolare (insieme ai Massoni di Grande Oriente Democratico) esprime intanto i suoi sentimenti di compartecipazione emotiva ed affettiva alle popolazioni colpite.
Naturalmente, oltre ad intervenire per sanare e ri-costruire ex post, sarebbe bene che le autorità competenti (locali e centrali) si impegnassero in una migliore opera di prevenzione, su un territorio- come quello italiano – dove troppo spesso le costruzioni abitative o di altro genere non sono state edificate o rafforzate in una prospettiva adeguatamente anti-sismica.

Per quel che riguarda l’orrendo misfatto che ha ucciso la sedicenne Melissa Bassi ( e la rabbia che proviamo è feroce e incontenibile), tre sono le classi di possibilità (pur con tutte le sotto-classificazioni).
O si tratta dell’attentato di un pazzoide con motivi personalistici, inseriti o meno nelle dinamiche sociali e/o criminali locali; oppure si tratta di un evento di portata più complessa, con esecutori e mandanti di matrice trascendente lo stragismo mafioso.
O ancora si tratta di attentato mafioso, ma con le implicazioni meta-mafiose e politico-simboliche che descrive Sergio Di Cori Modigliani in

“E’ l’apoteosi del femicidio. E’ la dichiarazione di guerra alla cultura”, articolo del 19 maggio 2012 by Sergio Di Cori Modigliani (clicca sopra per leggere).

Non staremo a specularci troppo sopra, almeno per il momento, ma siccome crediamo poco alle coincidenze non significative, ci lascia molto pensare la contemporaneità tra la presunta recrudescenza di fenomeni eversivi di antico stampo (simil brigate rosse) e l’oggettiva ripresa di atti stragistici di inumana crudeltà.
Così, rinviamo alla lettura di

“Grillo mette il dito sulla piaga: ‘cui prodest questo attentato?...’ Gli italiani lo pensano e io lo dico: ‘Da tempo ci si aspettava una bomba come questa, era nell’aria elettrica come prima di un temporale’”, pezzo del 20 maggio 2012 per DAGOSPIA (clicca sopra per leggere)

“L’attentato di Brindisi e il possibile riemergere della strategia della tensione”, articolo del 19 maggio 2012 by Francesco Maria Toscano per IL MORALISTA (clicca sopra per leggere)

“Anarchici? Bah!”, articolo del 21 maggio 2012 by Pierfranco Pellizzetti per MICROMEGA (clicca sopra per leggere)

In ogni caso, preghiamo il solito teatrino mediatico di fare cronaca nel modo più sobrio possibile, senza la consueta Retorica ipertrofica e stucchevole che occupi per giorni e giorni trasmissioni, telegiornali ed editoriali,  immiserendo un’autentica elaborazione del lutto.
In parallelo a ciò, auspichiamo un’adeguata investigazione della verità (quale che sia) nascosta dietro questo infame delitto.
E possibilmente, si contribuisca a rilanciare l’occupazione e la (buona e utile) spesa pubblica, assumendo nuovo personale fra le forze dell’ordine e di intelligence (dandogli anche più mezzi e denari a disposizione), le quali possano meglio prevenire le stragi di qualsiasi matrice e/o monitorare gli obiettivi più sensibili e vulnerabili (scuole, luoghi pubblici di particolare affollamento) con maggiore precisione e accortezza. Specie in un periodo caldo come quello attuale…

Per onorare e ricordare la povera Melissa Bassi e per far vergognare in eterno esecutori ed eventuali mandanti dell’attentato che ne ha troncato l’esistenza (mettendo a repentaglio molte altre vite), segnaliamo il bell’articolo di Domenico Latino:

“Brindisi è l’Abisso dell’uomo”, articolo del 20 maggio 2012 by Domenico Latino per IL MORALISTA (clicca sopra per leggere).

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (con i FRATELLI DI GRANDE ORIENTE DEMOCRATICO (www.grandeoriente-democratico.com)

[ Articolo del 20-22 maggio 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it