Content Banner  

 

Democrazia Radical Popolare dà l’ultimo avviso utile a Pierluigi Bersani: dichiari ufficialmente che non farà mai un governo con Monti e che intende comportarsi da vero progressista, negoziando nuovi trattati in Europa in questa prospettiva. Altrimenti DRP - e circuiti annessi – promettono a Bersani che non avrà vita facile, né elettorale né post-elettorale

 

 

 

 

Saremo sintetici ed essenziali.
Delle due l’una.
La prima ipotesi -salvifica per Bersani e per tutta la coalizione dei democratici e progressisti che comprende SEL e PSI, oltre al PD- è che l’attuale segretario del Partito Democratico nonché leader designato alle primarie per assurgere al governo del Paese, metabolizzi in modo autentico e lungimirante le

10 Serie di Proposte per il Governo dell’Italia dal 2013 in poi, da Democrazia Radical Popolare al Nuovo Centro-Sinistra (da costruire sulle ceneri del Vecchio) (clicca per leggere)

e

Le 5 Priorità per l'Italia e la mancata spiegazione, da parte di Bersani e Fassina, di come aiutare lavoro e crescita con 50 miliardi all'anno da pagare soltanto per il Fiscal Compact (clicca per leggere).

Meglio ancora, sarebbe auspicabile che Bersani e i suoi più vicini collaboratori facessero proprie le istanze ideologico-programmatiche evocate nei seguenti editoriali di Gioele Magaldi (scritti non in quanto massone, ma in quanto cittadino e politologo socialista, democratico e liberale):

Editoriale del 14 ottobre 2011: "Se esistesse un Nuovo Centro-Sinistra, italiano, europeo e statunitense, avrebbe un'autostrada e archi di trionfo davanti a sè, in questi tempi di fallimento del neoliberismo di destra e dei suoi derivati" di Gioele Magaldi (clicca per leggere)

Editoriale del 22 febbraio 2012: "Socialismo Liberale. Non Socialdemocrazia in senso classico e nemmeno Terza Via di Anthony Giddens e della defunta ditta Bill Clinton-Tony Blair", di Gioele Magaldi (clicca per leggere),

cui, a quanto pare, farà presto seguito un terzo editoriale, proprio in vista delle imminenti elezioni italiane del 24-25 febbraio 2013.

Se Bersani e gli altri saranno in grado di assimilare queste istanze autenticamente ed equilibratamente progressiste, se dichiareranno con chiarezza – in aperta soluzione di continuità con le vomitevoli affermazioni presentate sino all’altro ieri anche in contesti internazionali (vedi quanto osservammo in Sotto gli auspici dei Piccoli Architetti reazionari di Germania e nel contesto del para-massonico German Council on Foreign Relations, Bersani ha l'impudenza di proporre un'alleanza con il becchino dell'Italia, Mario Monti, clicca per leggere) - che non intendono assolutamente fare un’alleanza post-elettorale con la Lista Monti e che piuttosto preferiscono ri-andare immediatamente al voto in casi di vittoria azzoppata, allora potranno contare senz’altro sull’appoggio di DRP - e dei circuiti annessi e connessi - in sede di cabina elettorale.
Meglio ancora: guadagneranno moltissimi voti da parte dei cittadini comuni, da tempo in attesa che qualcuno dica sul serio qualcosa di sinistra, ma qualcosa di sinistra per il Terzo Millennio.

Se invece Bersani & Company, in queste ultime due settimane di campagna mediatica intendono continuare a menare il can per l’aia, prendendo in giro gli elettori con qualche timido distinguo rispetto al masnadiero bocconiano, ma avendo l’intenzione chiarissima di legarsi a costui in funzione del governo dell’Italia, allora facciamo al segretario PD e ai suoi una facile promessa: Noi di DRP –con circuiti annessi e connessi, italiani ed internazionali- vi renderemo la vita molto difficile e, per di più, nei prossimi giorni continuerete a perdere voti, sino a dilapidare in modo gravissimo il vantaggio di suffragi sinora attribuito dai vari sondaggisti.
Poi, caro Bersani, potrai anche vincere di misura almeno in una delle due camere parlamentari, ma anche quella sarà una vittoria di Pirro, e te ne accorgerai molto presto.
A buoni intenditor…

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 10-11 febbraio 2013 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it