Content Banner  

 

Democrazia Radical Popolare auspica che nel 2012 tutte le forze liberal, socialiste, illuministe e progressiste, da Oriente a Occidente (partendo dall’Italia, dall’Europa e dagli USA) trovino il coraggio di attuare una Rivoluzione Democratica contro la Grande Reazione Oligarchica in atto su scala globale

 

 

 

 

Nel sottoscrivere, limitatamente al nostro angolo visuale civile e politico (e non già iniziatico e meta-politico) le riflessioni e gli auguri di fine anno dei Fratelli di Grande Oriente Democratico, icasticamente espressi in Grande Oriente Democratico augura a tutti i cittadini dell’ecumene globale un 2012 rivoluzionario sul piano spirituale e civile (clicca sopra per leggere), formuliamo anche Noi alcuni semplici ma schietti auspici.

E’ nostro desiderio impegnarci, come Movimento politico d’opinione italiano che aspira ad influenzare un rinnovamento ideologico di tutto il centro-sinistra non solo italico ma anche europeo, occidentale e persino planetario (dall’Italia, nei secoli, si sono diffusi il diritto romano, nuove forme espansive del cristianesimo, il sistema bancario, il Rinascimento e persino, ahinoi, il fascismo…dunque sarebbe bello che ancora di qui si diffondesse, nel XXI secolo, una generale rigenerazione filosofica e operativa delle ormai decadenti correnti gauchiste di tutto il globo), affinché il 2012 non veda il compimento di un Progetto Reazionario odioso della cui natura, ormai, diversi cittadini delle nazioni più progredite non mancano di intravedere il feroce profilo.
Serve una Grande Rivoluzione Democratica da contrapporre alla Grande Reazione Oligarchica in atto ad opera di semi-occulti cenacoli oligarchici sovra-nazionali, i quali vorrebbero cancellare, nel giro di pochi anni, tutte le principali conquiste politiche, sociali, economiche e culturali partorite dalle grandi rivoluzioni e riforme liberali e democratiche del ‘700, ‘800 e ‘900.
Da un lato il rapace e cinico disegno di una Nuova Aristocrazia del Denaro e dello Spirito (contro-iniziatico), di matrice specificamente massonica e para-massonica, e che si ritiene anch’essa figlia della Rivoluzione Francese, rivendicando il suo status di elite “illuminata” del merito e della virtù/sapienza, in contrapposizione tanto alle aristocrazie del sangue di Ancien Régime, quanto alle pretese egualitarie di ispirazione democratica; dall’altra la necessaria coalizione-alleanza tra Massoni Democratici (eredi dei migliori Fratelli del passato, gli stessi che vollero suggellare la nascita della contemporaneità con il trittico concettuale che adorna le are sottostanti le cattedre dei Maestri Venerabili nella maggioranza delle Logge: Libertà-Fratellanza-Uguaglianza ) e tutte le classi sociali vittime del sopruso di queste Nuove Oligarchie globali e sovranazionali.

Buon 2012, quindi, a tutti coloro che avranno il coraggio di indossare, prima o poi, materialmente o simbolicamente, una qualche specie di camicia rossa garibaldina.
Portando così a compimento non soltanto l’incompiuta costruzione della Nazione Italiana, ma anche della comune Patria europea, così cara al Fratello Giuseppe Mazzini e a tutti coloro che, per preservare e difendere questa idea, hanno dato il loro sangue in Olocausto dinanzi alla reiterata barbarie dei nemici di un’Europa popolare, libera e democratica; dinanzi a quelle bestie umane che hanno assunto diverse sembianze, nel corso dei secoli, fino all’ultima epifania di camicie nere e brune fra anni Venti e Trenta del Novecento…
E oggi, la necessità di una governance progressista, libertaria, socialmente attenta, sostanzialmente e non solo nominalisticamente democratica, è un Vento che soffia oltre il Vecchio Continente, per investire le regioni meridionali del Mediterraneo, penetrare nei più lontani territori africani, asiatici, nord e sudamericani, fino a congiungere in un’unica catena d’unione tutti i popoli della Terra.
W la Democrazia, la Libertà, l’Uguaglianza e la Fratellanza fra tutti gli esseri umani, in nome della comune e insopprimibile aspirazione alla Felicità e dell’inconculcabile Diritto alla Prosperità, tanto materiale che morale e spirituale.
Abbasso l’asservimento, l’abbrutimento, la mortificazione e la disperazione nella quale Pochi Gruppi di straordinario potere economico-politico e infinita ubris intellettuale vorrebbero scaraventare la maggior parte dei cittadini dell’Occidente, mantenendovi nel contempo incatenati i loro simili di altre lande meno progredite: africani, asiatici e latinoamericani sfruttati senza pietà né ritegno in saecula saeculorum, senza soluzione di continuità da un regime all’altro, nella ciclica riproposizione del dominio di poche privilegiate elites su masse stuprate e turlupinate.

Ma dall’Europa, così come già accadde nel XVIII secolo (e stavolta ancora meglio di allora) verranno le idee e le pratiche rivoluzionarie in grado di strappare gli Oligarchi dai loro ignobili e prevaricatori sogni di dominio.
Dall’Europa, se necessario, verranno i forconi in grado di atterrire e mettere in fuga i nuovi (aspiranti) aristocratici e i loro cortigiani cicisbei.
Buon 2012 a Tutti, eccezion fatta per coloro che vorranno opporsi ad una necessaria Rivoluzione Democratica del XXI secolo.

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE

[ Articolo del 31 dicembre 2011 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it