Content Banner  

 

DRP presenta e chiosa “Caso Ablyazov, ora parli Napolitano”, articolo by Antonio Padellaro per IL FATTO QUOTIDIANO

 

 

 

 

Abbiamo condiviso, nel recente passato, alcune critiche rivolte ad Antonio Padellaro dai Massoni di GOD in merito ad un’intervista parzialmente censurata di Gioele Magaldi, pubblicata su Il Fatto Quotidiano. Il che non ci impedisce di riconoscere che Padellaro sia stato e continui ad essere un ottimo giornalista.
Di più, abbiamo condiviso parola per parola quanto ha scritto in

“Caso Ablyazov, ora parli Napolitano”, articolo del 17 luglio 2013 by Antonio Padellaro per IL FATTO QUOTIDIANO (clicca per leggere).

Padellaro rivolgeva un invito al silente Presidente della Repubblica (solitamente molto loquace su ogni argomento dello scibile italiota e stavolta stranamente molto taciturno…) e alla fine Napolitano ha parlato…
Cosa abbia detto è rinvenibile su tutti gli organi di stampa.
In estrema sintesi, dopo aver concesso che la vicenda della “deportazione” di due donne indifese alla mercé del dittatore kazako grazie ai buoni uffici di alcuni rappresentanti (infedeli, aggiungiamo Noi) delle istituzioni italiane è una cosa “inaudita” (bontà sua), Napolitano ha aggiunto che nessuno si deve permettere di sfiduciare il (grottesco e risibile, aggiungiamo Noi) titolare del Ministero degli Interni, tale Angelino Alfano, noto maggiordomo senza quid di Silvio Berlusconi.
Giammai deve essere sfiduciato Alfano, ha sostenuto Napolitano, perché questo potrebbe mettere in discussione il governo attualmente in carica, guidato (si fa per dire) da quell’altro (ineffabile, aggiungiamo Noi) individuo di Enrico Letta.
Il miglior commento alla mossa di Napolitano e a questa retorica insopportabile che circonda l’attuale funesto governicchio Letta semel/Monti bis è stato fornito in

“Se cadesse il governo Letta sarebbe un dramma. Per gli schiavisti”, articolo del 18 luglio 2013 by Francesco Maria Toscano per IL MORALISTA (clicca per leggere).

D’altra parte, per una puntuale messa a fuoco della natura perniciosa (proprio in quanto mediocre, inefficiente e inoperosa) del governo Letta, si ripassino

Enrico Letta, un Para-Massone diligente, mediocre, subalterno e servizievole, all'Obbedienza dei circuiti massonici sovranazionali più reazionari e antidemocratici (clicca per leggere),

Il para-massonico governo del Para-Massone Enrico Letta si configura come un Monti-bis con qualche foglia di fico, segnato dalla pesante tutela tecnocratica e anti-crescita del Massone Mario Draghi, esercitata per mezzo del suo fido scudiero, il Massone Fabrizio Saccomanni, nominato Ministro dell'Economia in barba ai desiderata del Massone Berlusconi (clicca per leggere),

Il Massone di rito draghiano Fabrizio Saccomanni conferma subito le previsioni di Grande Oriente Democratico sul tipo di politiche economiche del Governo Letta (clicca per leggere)

L'inconcludente e dunque catastrofica traiettoria del Governo del Paramassone Enrico Letta. I molti dubbi sulla funzione stabilizzatrice occulta del Movimento 5 Stelle (clicca per leggere)

Il funesto Governo del Fare (chiacchiere), (mal) guidato dal Paramassone Enrico Letta per conto terzi, a cura di DRP (clicca per leggere)

DRP e le bugie piccole e grandi di Enrico Letta (clicca per leggere)

Le inutili briciole del mistificatore Enrico Letta per la disoccupazione giovanile (clicca per leggere)

Le quotidiane pantomime mistificatrici del Governo Letta. Commento di DRP a “Verità in parole povere” by Mattia Granata (clicca per leggere)

DRP commenta "L'inevitabile inerzia del governo Letta", articolo by Guglielmo Forges Davanzati (clicca per leggere).

Quanto a Napolitano se, come vogliamo ostinarci a pensare, è tuttora in (ottusa) buona fede nel difendere la controproducente performance del governo Letta (così come per un anno e mezzo si era ostinato a difendere quel masnadiero di Mario Monti), il quale si gingilla con i rinvii e i proclami retorici e inconsistenti mentre il Paese è alla catastrofe socio-economica, allora sarà meglio compiangerlo, perché la Storia lo giudicherà come il Presidente della Repubblica più malauguratamente pervicace e protervo nel perseverare nei medesimi errori in danno dell’Italia, di settennato in settennato.
Se invece si tratta di mala fede (come certamente era il caso di Mario Monti ed è quello di Enrico Letta, entrambi coscienti mosche cocchiere di interessi massonici e para-massonici reazionari in danno del popolo italiano), il giudizio storico-politico dovrà essere ancora più severo.
Su tali questioni, comunque, rinviamo anche a

La massoneria reazionaria europea il non-governo della crisi secondo il massone Gioele Magaldi (clicca per leggere/visionare)

Gioele Magaldi - Napolitano e il progetto della massoneria reazionaria per l'Italia (clicca per visionare)

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 19 luglio 2013 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it