Content Banner  

 

DRP e il “Decreto del Non Fare” del Paramassone Enrico Letta, giustamente sbertucciato da “Civil Servant” su MICROMEGA

 

 

 

 

La situazione è patetica, grottesca e funesta ai limiti dell’indicibile.
La colossale presa dei fondelli dei cittadini italiani prosegue imperterrita, da parte del Governo Letta semel/Monti bis.
Per fortuna, nonostante i tanti imbecilli che siedono inutilmente in Parlamento o occupano indebitamente direzioni e redazioni di prestigiosi organi mediatici, sostenendo o inneggiando al presente esecutivo lettiano, qualcuno armato di libero pensiero esiste ancora.
Leggiamo così con piacere

“Il decreto del non fare”, articolo del 18 giugno 2013 by Civil Servant per MICROMEGA (clicca per leggere),

e invitiamo tutti coloro che sono ansiosi di comprendere seriamente in che consista il de-cretino governativo ultimamente licenziato, a fare altrettanto.
Sarà un’esperienza al contempo ilare come andare al cabaret, tragica come assistere al funerale di una persona cara…
Tragica perché si conferma la volontà granitica di non aiutare l’economia e la società italiana a risollevarsi, ilare perché fa soltanto sghignazzare la pretesa di governare efficacemente il Paese con simili presupposti normativo-amministrativi.

Solo, ci permettiamo modestamente di suggerire di aggiungere, alle sagaci riflessioni di colui che si cela dietro lo pseudonimo di “Civil Servant”, le valutazioni da Noi illustrate in

Il funesto Governo del Fare (chiacchiere), (mal) guidato dal Paramassone Enrico Letta per conto terzi, a cura di DRP (clicca per leggere).

Così come quelle offerte dai Massoni di GOD in

Enrico Letta, un Para-Massone diligente, mediocre, subalterno e servizievole, all'Obbedienza dei circuiti massonici sovranazionali più reazionari e antidemocratici (clicca per leggere)

Il para-massonico governo del Para-Massone Enrico Letta si configura come un Monti-bis con qualche foglia di fico, segnato dalla pesante tutela tecnocratica e anti-crescita del Massone Mario Draghi, esercitata per mezzo del suo fido scudiero, il Massone Fabrizio Saccomanni, nominato Ministro dell'Economia in barba ai desiderata del Massone Berlusconi (clicca per leggere)

Il Massone di rito draghiano Fabrizio Saccomanni conferma subito le previsioni di Grande Oriente Democratico sul tipo di politiche economiche del Governo Letta (clicca per leggere)

L'inconcludente e dunque catastrofica traiettoria del Governo del Paramassone Enrico Letta. I molti dubbi sulla funzione stabilizzatrice occulta del Movimento 5 Stelle (clicca per leggere),

L'inconcludente e dunque catastrofica traiettoria del Governo del Paramassone Enrico Letta. I molti dubbi sulla funzione stabilizzatrice occulta del Movimento 5 Stelle (clicca per leggere).

Tanto per interiorizzare finalmente un’acquisizione ermeneutica fondamentale.
O coloro che sono stati e sono chiamati istituzionalmente a gestire la crisi politico-economica in corso da qualche anno sono dei poveri imbecilli, mentecatti e incapaci in buona ma distruttiva fede, oppure si tratta di individui che agiscono in mala fede, a perdizione e rovina dei popoli da essi guidati.
La prima ipotesi è quella di coloro che Il Mondo a caso pongono, rifiutando per principio che l’intenzionalità di gruppi umani possa incidere sui processi storici, e rigettando come complottismo e cospirazionismo non solo le paranoie di taluni, ma anche le ragionevoli indagini storiografiche e socio-antropologiche di altri.
La seconda ipotesi è la nostra, tratta da una attenta e metodologicamente rigorosa ricognizione di fatti, contesti e circostanze.
Al lume di entrambe le ipotesi, chi ha gestito e sta gestendo la crisi a livello italiano ed europeo dovrebbe fare mea culpa ufficialmente, ammettere la propria disastrosa insipienza (per usare un termine caro ai Massoni di GOD) e/o connivenza con interessi inconfessabili e dimettersi da ogni ufficio pubblico ricoperto sin qui.
Il Governo Letta rientra a pieno diritto nella filiera di coloro che stanno fallendo clamorosamente (in buona fede secondo alcuni, in cattivissima fede secondo Noi) il proprio approccio alla crisi in corso.
Prolungarne la vita avrà gli stessi effetti funesti arrecati dal Governo Monti.

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 17-20 giugno 2013 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it