Content Banner  

 

DRP commenta “Fiscal Compact: come va il referendum contro l’austerità?”, by PierGiorgio Gawronski”

 

 

 

 

Nel proporre la lettura di

“Fiscal Compact; come va il referendum contro l’austerità?”, articolo del 18 settembre 2014 by PierGiorgio Gawronski per IL FATTO QUOTIDIANO” (clicca per leggere),

facciamo presente che determinati aspetti della narrazione gawronskiana su Mario Draghi (al netto di alcune acutissime e condivisibili analisi  a monte e a valle) rischiano di risultare fuorvianti.
PG Gawronski, ad esempio, scrive:

“Non si tratta di tornare agli antichi vizi italiani, ma di tirare fuori la testa da sotto la sabbia. Come ha fatto Draghi: che in passato ha promosso regole e politiche stupide – o forse con aspetti stupidi – e ora non sa più come venirne fuori.”

Orbene, qualora questo e altri passaggi del racconto gawonskiano non siano motivati da sottile e anagogica intenzione, essi non appaiono esattamente corrispondenti ai moti dell’animo più sostanziali e autentici dell’attuale governatore BCE.
Mario Draghi ha promosso scientemente regole e politiche che possono essere considerate “stupide e devastanti” solo se rapportate all’effettivo interesse dei popoli europei. Mentre esse appaiono scaltre, subdole e proficue, se messe in relazione con gli obiettivi specifici di Draghi stesso, dei suoi amici e degli amici degli amici.
In questa prospettiva, codesto oligarca apolide (si, apolide, più che positivamente cosmopolita) che presiede l’Eurotower, sa benissimo come “venirne fuori”, e anzi, a ben vedere, non ha nulla da “cui uscire fuori”. Gli basterà, semmai, continuare a recitare la parte di chi contingentemente si propone come “poliziotto buono” dubitativo e meditabondo su modi e tempi dell’austerity, mentre altri (Merkel, Schaüble, Weidmann, etc.) accentueranno per contrasto- e non senza diverse gradazioni e sfumature- il proprio canovaccio da “poliziotti cattivi”.
Così, ribadiamo che, per mettere bene a fuoco chi sia e cosa voglia davvero Mario Draghi, occorre meditare attentamente su quanto illustrato in

Merkel e Draghi, Totò e Peppino uniti a Berlino...(a cura di GOD) (articolo del 2-3 settembre 2014, clicca per leggere)

Luigi Pandolfi demistifica magistralmente le ambiguità di Matteo Renzi, gli inganni di Mario Draghi e le ipocrite giaculatorie di tanti contro l'austerity (articolo del 25-30 giugno 2014, clicca per leggere)

Il Fratello Massone Contro-Iniziato Mario Draghi getta la maschera e, con il conforto dei Massoni Tecnocrati in servizio attivo all’ OCSE/OECD (Fratello José Angel Gurria in testa) detta una linea ferocemente austera, neoliberista, recessiva e depressiva per l’economia europea, spacciata subdolamente e falsamente come l’unica via percorribile (articolo del 27 febbraio 2012, clicca per leggere)

Un Massone Manipolatore, Masnadiero, Contro-Iniziato ed Eversivo peggiore di Mario Monti: il Fratello Mario Draghi (articolo del 25-27 luglio 2012, clicca per leggere)

La Raffinata “Truffa” del Venerabilissimo Maestro Mario Draghi & dei suoi Sodali (articolo del 24 agosto-11 settembre 2012, clicca per leggere)

Il Venerabilissimo Mario Draghi, Gran Maestro dell’Austerità e di tutte le province europee (articolo del 12-16 dicembre 2012, clicca per leggere)

Ancora a proposito del Massone contro-iniziato Mario Draghi. GOD presenta “Draghi massacrato dalla tv tedesca”, mentre in Italia tutti o quasi trattano con servilismo il supertecnocrate della BCE (articolo del 12-14 febbraio 2014, clicca per leggere).

"Draghi, la seconda grande svolta", di Piergiorgio Gawronski (con commento di DRP) (articolo del 15-17 settembre 2014,clicca per leggere)

DRP rilancia e chiosa “Draghi e l’oracolo svelato”, by Antonio Lettieri (articolo del 18-21 settembre, clicca per leggere).

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 18-23 settembre 2014 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it