Content Banner  

 

DRP a favore della Girl Declaration

 

 

 

 

Diamo senz’altro risalto alla “Girl Declaration”, sottoscrivendo in pieno l’iniziativa.
E riportiamo il seguente comunicato stampa della Camera dei Deputati, a proposito dell’incontro istituzionale avvenuto tra la presidente della Camera e i rappresentanti dell’ Aidos (Associazione Italiana donne per lo sviluppo):

 

 

Camera dei Deputati
Ufficio stampa

Comunicato
14 ottobre 2014

 

CONSEGNATA ALLA PRESIDENTE DELLA CAMERA
LA “GIRL DECLARATION”

 

La Presidente della Camera ha incontrato nel pomeriggio a Montecitorio le rappresentanti dell’Aidos (Associazione Italiana Donne per lo Sviluppo) - la Presidente Daniela Colombo e la vice Maria Grazia Panunzi - dalle quali ha ricevuto una copia della “Girl Declaration” che domani verrà presentata alla Camera per iniziativa del Gruppo interparlamentare “Salute globale e diritti delle donne”.
L’Aidos, insieme ad oltre Ong europee, ha infatti avviato di recente una campagna che chiede all’Unione europea di adoperarsi per includere i diritti delle ragazze nella nuova agenda per lo sviluppo post-2015. Sono circa 250 milioni le adolescenti che vivono in povertà nel mondo. L’obiettivo è metterle in condizione di rivendicare i propri diritti nei campi dell’istruzione, della salute, della sicurezza, del lavoro.
All’incontro hanno preso parte anche due giovani di un’organizzazione di Calcutta, che hanno raccontato dei successi ottenuti nell’azione per garantire il diritto allo studio delle ragazze degli slums.
“Abbiamo voluto consegnare la Dichiarazione alla Presidente Boldrini - ha detto l’on. Pia Locatelli, coordinatrice del Gruppo interparlamentare - per mettere simbolicamente il futuro delle ragazze in mano alle istituzioni”.
“Le storie di vita che ho ascoltato - ha dichiarato la Presidente della Camera - confermano una volta di più che l’educazione è tutto, e che persino pochi anni di scuola bastano ad assicurare un netto miglioramento delle prospettive per queste giovani donne. E’ importante il sostegno che viene dalla collaborazione tra le espressioni della società civile e le parlamentari. La vostra azione congiunta può avvicinare il tempo in cui le ragazze saranno finalmente protagoniste del proprio destino”.

 

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 17 ottobre 2014 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it