Content Banner  

 

DRP SUPER-EUROPEISTA e le sagaci riflessioni di Sergio Magaldi nel suo “Europeisti ed Euroscettici”, articolo del 27 luglio 2012

 

 

 

 

Molto sagaci e appropriate le riflessioni contenute in

“Europeisti ed Euroscettici”, articolo del 27 luglio 2012 by Sergio Magaldi (clicca sopra per leggere),

contributo apparso sull’originale Blog “Lo Zibaldone di Sergio Magaldi” (http://zibaldone-sergio.blogspot.com).

E a margine di tali utilissime riflessioni intorno ai diversi tipi di euroscettici ed europeisti, Noi di Democrazia Radical Popolare (unitamente ai Massoni Progressisti di Grande Oriente Democratico) non possiamo fare a meno di definirci da sempre SUPER-EUROPEISTI e a favore degli STATI UNITI D’EUROPA.

Certo, le lucidissime analisi di Sergio Magaldi nell’articolo citato andrebbero integrate con alcune considerazioni.
Per quanto concerne il fine ultimo della “finanza internazionale” e di  Mario Draghi, euro-tecnocrati & company, vorremmo rammentare quanto ne è stato scritto abbondantemente da mesi e mesi a questa parte sul nostro Sito ufficiale www.democraziaradicalpopolare.it e sul Sito ufficiale di Grande Oriente Democratico (www.grandeoriente-democratico.com).
O da ultimo, quanto se ne è detto in

La Catastrofe europea e occidentale. Grande Oriente Democratico e Democrazia Radical Popolare avevano previsto per tempo (dall'estate 2011) quello che sarebbe accaduto, e l'avevano ribadito anche all'indomani degli stolti commenti ottimisti sul vertice europeo del 28-29 giugno 2012:.... (clicca sopra per leggere)

Commento di DRP a "Non posso usare altre parole, mi si perdoni: ora siamo nella merda davvero", articolo del 26 luglio 2012 by Paolo Barnard (clicca sopra per leggere)

DRP: laissez faire, laissez passer! Si lasci fare come desiderano i vertici attuali della TROIKA UE, BCE e FMI. Si lasci che Mitt Romney vinca negli USA. Si lasci che la governance politico-economica dell'Europa rimanga in mano di Merkel, Draghi, Van Rompuy, Monti, etc. (per conto terzi)... (clicca sopra per leggere)

Un Massone Manipolatore, Masnadiero, Contro-Iniziato ed Eversivo peggiore di Mario Monti: il Fratello Mario Draghi (clicca sopra per leggere).

Dai nostri (e di GOD) interventi più remoti o recenti, si evince chiarissimamente che la nostra esplicazione di quanto sta avvenendo in Europa e nel Mondo, senza ricorrere a complottismi e cospirazionismi d’accatto, punta tuttavia l’indice su una serie di intenzionalità convergenti per la realizzazione di una epocale e globale involuzione del sistema politico-sociale occidentale.
In questa prospettiva, i grandi profitti garantiti da speculazione e altre pratiche predatorie ai danni delle singole nazioni europee non costituiscono il fine, ma soltanto il mezzo per un ben più ambizioso progetto egemonico globale, impossibile da realizzare se non demolendo i presupposti (anche economici) della democrazia liberale e della sovranità popolare.
Visto che fuori dall’Europa e dall’Occidente non esiste democrazia e stato di diritto in senso proprio (ma, ovunque, regnano oligarchie autoritarie, di segno laico o religioso-carismatico o di forma ibrida), qualora il potere, anche nell’area euro-atlantica, passasse dalle mani del popolo sovrano e dei suoi rappresentanti parlamentari a quelle di tecnocrati sedicenti illuminati, e qualora i cittadini fossero troppo martoriati economicamente per reagire ad un simile golpe bianco, è evidente che alcuni circuiti sovra-nazionali particolarmente influenti non avrebbero difficoltà nell’instaurare una rete egemonica globale di dominio anti-democratico e illiberale.

Così, anche per quel che concerne la Germania e il suo imperialismo narcisista (alla fine ingenuo e velleitario, ma comunque cruento e devastante, sia oggi che ai tempi di Hitler o del militarismo prussiano), sarà bene integrare le valutazioni di Sergio Magaldi con quelle contenute in

Germania 1933-1938 e 2005-2012. Da Hitler alla Merkel. Cioè quando i tedeschi diventano teste di ponte di esperimenti oligarchici ed egemonici ai danni dei popoli europei (clicca sopra per leggere).

D’altra parte, conforta e insieme commuove la chiusa ottimista e alata di

“Europeisti ed Euroscettici”, articolo del 27 luglio 2012 by Sergio Magaldi (clicca sopra per leggere):

“Disponibile ancora l’Europa, come una nobile decaduta, a rappresentare l’Occidente, fulcro della storia del mondo, ma nel complesso imbelle e incapace di una politica unitaria, come si è ben visto, quando solo poco più di sessant’anni fa, senza l’aiuto degli americani, stava per cadere sotto la schiavitù del nazismo.
Pure, la Storia è dalla parte dei “pinguini impazziti”. Gli euroscettici di sempre [non gli opportunisti] non hanno torto nell’immediato, ma il futuro del continente è nelle mani dei pionieri, perché “l’astuzia della ragione” non può non volere per il domani, quello che oggi appare ancora un’utopia: gli Stati Uniti d’Europa.”

 

Naturalmente, a quella List der Vernunft (Astuzia della Ragione) di inequivoca ascendenza hegeliana, cui Sergio Magaldi conferisce esistenza certa (mentre, proprio sul piano di una analisi storico-scientifica e non filosofico-storica, occorre metterla metodologicamente in discussione), Noi di DRP preferiamo un empirico, umanissimo (non metafisico) e coraggioso impegno di tutti quei “pinguini impazziti” che vogliano sentirsi eredi operosi del sogno europeista (democratico e libertario, non certo tecnocratico) di Giuseppe Mazzini, Giuseppe Garibaldi, Altiero Spinelli e molti altri individui di non dissimile tempra.

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE

[ Articolo del 28-29 luglio 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it