Content Banner  

 

Complimenti a Lucia Annunziata per la puntata di ½ ora di domenica 16 ottobre 2011 su Le rivolte giovanili-Indignados e non solo

 

 

 

 

Diverso tempo fa (in data 14 giugno 2010) quando Democrazia Radical Popolare (www.democraziaradicalpopolare.it ) ancora non esisteva come Movimento politico d’opinione, il nostro attuale leader Gioele Magaldi scriveva a titolo personale una ormai famosa

Lettera Aperta a Lucia Annunziata del 14 giugno 2010: "Se questa è un'intervista..." di Gioele Magaldi (clicca sopra per leggere)

Questa Lettera veniva prima pubblicata sul sito ufficiale di Grande Oriente Democratico (www.grandeoriente-democratico.com ) e poi ripresa da Dagospia (vedi Falce & Compasso- Il compagno col grembiulino Gioele Magaldi indirizza una durissima Lettera a Lucia Annunziata contro il Gran Maestro del Grande Oriente d’Italia… del 17-6-2010”: clicca sopra per leggere).

In quell’occasione, qualcuno di Noi che già collaborava con Magaldi all’interno di GOD si dispiacque per la polemica (purtroppo doverosa) nei riguardi di una giornalista che generalmente abbiamo sempre apprezzato, Lucia Annunziata, per l’appunto.
Così, quando notammo che, poco tempo dopo la pubblicazione di quella Lettera Aperta, pur non avendo mai replicato alla suddetta epistola, la Annunziata ne accolse nella pratica uno dei rimproveri metodologici (e cioè l’esortazione ad intervistare su un singola questione almeno due personaggi con diversi pareri e la possibilità di un contraddittorio, invece di interviste monodimensionali e compiacenti come quella a Raffi), ne fummo molto lieti.
In data odierna, d’altronde, siamo ancora più felici - dopo diverse puntate delle ultime settimane non proprio eccelse e alquanto dis-attente rispetto alle problematiche più scottanti dell’attualità - di poterci complimentare con l’ex presidentessa della Rai per la riuscitissima trasmissione di ieri, 16 ottobre 2011.
Per chi non l’avesse vista e la volesse rivedere per meglio comprendere le ragioni dei nostri sinceri complimenti, rimandiamo a:

www.inmezzora.rai.it , andando a visionare il video (nella Sezione “Guarda i Video”) della Puntata del 16 ottobre 2011 : “Le rivolte giovanili-Indignados e non solo”(clicca sopra per accedere al video)

Un riassunto della puntata (seppur con qualche imprecisione e sciatteria: ad es. Fausto Raciti viene indicato come responsabile del settore finanza del PD, mentre si tratta del Segretario nazionale dei Giovani Democratici, organizzazione giovanile del PD; ma è tutto il Redazionale che è scritto da un osservatore poco attento alle sfumature di quanto è stato detto e alle identità ed effettive posizioni politiche dei vari soggetti intervistati) lo si legge sulla testata www.ilsussidiario.net :

“IN MEZZ’ORA/Lucia Annunziata e il punto di vista ‘differente’ sulle violenze romane”, articolo redazionale su Il Sussidiario.net del 16 ottobre 2011 (clicca sopra per leggere)

In sintesi, l’Annunziata ha realizzato un’ottima trasmissione perché ha dato voce direttamente ad uno dei portavoce dei movimenti italiani degli Indignados più lucidi ed efficaci, Francesco Raparelli (ricercatore universitario), mettendolo a confronto con le tesi dei migliori e più lungimiranti dirigenti attuali del PD (nonostante la giovane età): Stefano Fassina, membro della Segreteria PD quale responsabile del settore Economia e Lavoro (44 anni); Matteo Orfini, membro della Segreteria PD quale responsabile del settore Cultura e Informazione (35 anni); Fausto Raciti, membro della Direzione nazionale del PD e Segretario nazionale dei Giovani Democratici (27 anni).

Se ci siamo già occupati di elogiare e difendere Stefano Fassina (vedi In Difesa di Stefano Fassina, autentico uomo di sinistra ), torneremo ad occuparci di Raparelli, Orfini e Raciti (e anche di Fassina) in quanto plausibili rappresentanti - pur nella diversa articolazione delle analisi e proposte politiche - di quella nuova area progressista e riformatrice che Noi di DRP intendiamo contribuire a costruire per l’Italia (su ciò si vedano tutti i nostri contributi, a partire da quelli iniziali):

Statuto aperto e potenziale di “DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE” (clicca per leggere)

Oltre le Destre, i Centri e le Sinistre del XX secolo: un Nuovo Centro-Sinistra per l’Italia del XXI secolo (clicca per leggere)

Con questo intervento odierno, tuttavia, volevamo felicitarci con Lucia Annunziata per aver svolto, con grande acume e intuizione giornalistica, un’intelligente incursione presso coloro che - anche con il nostro aiuto - speriamo possano divenire i protagonisti della futura scena politica nazionale di Centro-Sinistra (termine, quest’ultimo, da considerare nella prospettiva indicata in Editoriale del 14 ottobre 2011: "Se esistesse un Nuovo Centro-Sinistra, italiano, europeo e statunitense, avrebbe un'autostrada e archi di trionfo davanti a sè, in questi tempi di fallimento del neoliberismo di destra e dei suoi derivati" di Gioele Magaldi ).
Auspichiamo che anche altri professionisti dei media, in luogo di intervistare vecchi arnesi come Valter Veltroni, Rosy Bindi, Massimo D’Alema, Enrico Letta (stantio e vetusto nell’impostazione nonostante la giovane età anagrafica), etc.,  dedichino la stessa attenzione della Annunziata a Stefano Fassina, Matteo Orfini, Fausto Raciti, Francesco Raparelli e altre giovani promesse della politica italiana.

Concludiamo, tuttavia, osservando che l’Italia non ha certo bisogno di un default concordato (al pari di tutti gli altri paesi europei in crisi) - come sostenuto con una certa superficialità da Francesco Raparelli e da altri Indignati - bensì di una nuova coesione politica democratica della UE, da trasformare in Stati Uniti d’Europa; dell’euro quale moneta sovrana; degli EuroBond come titoli del debito unificato europeo; della sparizione dei titoli dei singoli debiti nazionali, riassorbiti e sostituiti (e non già affiancati, altrimenti non si elimina la speculazione sui singoli debiti sovrani) dagli EuroBond; della piena subordinazione della BCE alle istituzioni politiche rappresentative della sovranità popolare europea, con un Europarlamento più forte e fornito di poteri superiori ad ogni altro organo e in grado di dare la fiducia o sfiduciare gli esecutivi europei che dovranno sostituire l’attuale Commissione europea.

Per rammentare le posizioni ufficiali di Democrazia Radical Popolare sulla recente Manifestazione degli Indignati del 15 ottobre, si vedano:

Democrazia Radical Popolare solidarizza con la Manifestazione degli Indignati del 15 ottobre 2011 (clicca per leggere)

Manifestazione degli Indignati del 15 ottobre 2011: la faccia di bronzo di Mario Draghi, la violenza degli imbecilli e quella degli infiltrati in combutta con i soliti noti. Ma stavolta il giochino in stile Genova 2001 non riuscirà (clicca per leggere)

La posizione di Grande Oriente Democratico in merito, invece, si può valutare esaminando:

Grande Oriente Democratico a favore degli Indignati italiani, europei, americani e di tutto il pianeta: sia per la Manifestazione del 15 ottobre 2011, che per ogni iniziativa futura

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE

[ Articolo del 17 ottobre 2011 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it