Content Banner  

 

Commento di DRP a “Elezioni anticipate, la proposta Fassina (voto in autunno) agita il Pd. Bersani: la linea non cambia”, articolo del 4 giugno 2012 per IL SOLE 24 ORE

 

 

 

 

Leggiamo con piacevole sorpresa

“Elezioni anticipate, la proposta Fassina (voto in autunno) agita il Pd. Bersani: la linea non cambia”, articolo del 4 giugno 2012 per IL SOLE 24 ORE (clicca sopra per leggere).

Evidentemente, nel Partito Democratico c’è ancora qualcuno che non è stato travolto da smanie masochistiche, da un torbido e insano cupio dissolvi.
Stefano Fassina, in questi ultimi mesi, non è stato all’altezza della situazione e del suo potenziale ruolo di testa economica pensante in un partito di incompetenti in buona fede e asserviti al montismo in mala fede.
Stefano Fassina, al pari degli altri massimi dirigenti PD, ha offerto il contraddittorio spettacolo di chi in Europa contesta le strategie neoliberiste e tecnocratiche a base di austerità suicida e però in Italia vota il pareggio di bilancio costituzionale, che di quelle strategie è uno dei capisaldi.
Tuttavia, meglio tardi che mai, per rinsavire ed emendare gli errori del passato.
Già soltanto pensare di mandare a casa prima possibile il nefasto e distruttivo Governo Monti, è un buon inizio.
E nel frattempo che Bersani ed altri riflettono sulla provocazione di Fassina, consiglieremmo a tutti i “piddini” in crisi di identità politica e che non vogliano morire né post-comunisti, né post-democristiani, né post qualcos’altro, di leggersi e/o rileggersi i seguenti testi:

Editoriale del 14 ottobre 2011: "Se esistesse un Nuovo Centro-Sinistra, italiano, europeo e statunitense, avrebbe un'autostrada e archi di trionfo davanti a sè, in questi tempi di fallimento del neoliberismo di destra e dei suoi derivati" di Gioele Magaldi (clicca sopra per leggere)

Editoriale del 22 febbraio 2012: "Socialismo Liberale. Non Socialdemocrazia in senso classico e nemmeno Terza Via di Anthony Giddens e della defunta ditta Bill Clinton-Tony Blair", di Gioele Magaldi (clicca sopra per leggere)

Editoriale del 7-9 maggio 2012: "I veri anti-europeisti Merkel, Sarkozy, Draghi, Van Rompuy, Monti, Papademos, Rajoy, etc., agenti e/o ascari della Tecnocrazia, e il Socialismo Liberale per un'Europa unita a sovranità popolare", di Gioele Magaldi (clicca sopra per leggere),

chissà che dalle riflessioni lungimiranti e strutturate di Gioele Magaldi non ne venga fuori un viatico costruttivo per una robusta e convincente proposta politica per le prossime elezioni, in grado di rilanciare con nuova freschezza e appeal il Partito Democratico?

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE

[ Articolo del 4-6 giugno 2012 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it