Content Banner  

 

Claudio Quaranta esprime le sue prime istanze programmatiche per “Il Partito che serve all’Italia” (PSAI) in vista del prossimo, importante incontro nazionale il 25 aprile a Roma e in vista della probabile Assemblea Costituente del 14 luglio 2019

 

 

 

In continuità con

https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/blog/il-partito-che-serve-all-italia-motivo-numero-1-per-iscriversi-e-votarlo-introduzione-della-sovranita-popolare-e-politica-di-una-moneta-non-a-debito.html

https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/blog/il-partito-che-serve-all-italia-motivo-numero-2-per-iscriversi-e-votarlo.html

https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/blog/il-partito-che-serve-all-italia-motivo-numero-3-per-iscriversi-e-votarlo.html

https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/blog/il-partito-che-serve-all-italia-motivo-numero-4-per-iscriversi-e-votarlo-riduzione-drastica-di-tutte-le-aliquote-fiscali-per-famiglie-e-imprese-specie-piccole-e-medie-e-impegno-solenne-a-realizzare-tale-misura-al-contrario-di-partiti-vecchi-e-nuovi-che-hanno-promesso-senza-mantenere.html

https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/blog/il-partito-che-serve-all-italia-motivo-numero-5-per-iscriversi-e-votarlo-il-psai-eliminera-qualsivoglia-clausola-segreta-che-limiti-la-sovranita-italiana-nel-contesto-internazionale.html

Nino Galloni espone le sue prime proposte programmatiche per il Partito che serve all’Italia (PSAI), in vista dell’incontro di domenica 10 febbraio 2019, ore 9, al Teatro Petrolini di Via Rubattino 5, Roma, zona Testaccio

Mauro Grimolizzi espone le sue prime istanze programmatiche per il “Partito che serve all’Italia” (PSAI), in vista dell’incontro di domenica 10 febbraio, ore 9, al Teatro Petrolini di Via Rubattino 5, Roma, zona Testaccio

Marco Moiso espone le sue prime istanze programmatiche per “Il Partito che serve all’Italia”, in vista dell’incontro di domenica 10 febbraio, ore 9, al Teatro Petrolini di Via Rubattino 5, Roma, zona Testaccio

 

sottoponiamo
alla pubblica valutazione le seguenti, prime istanze programmatiche proposte da CLAUDIO QUARANTA, tra gli iscritti all’Assemblea Costituente del “Partito che serve all’Italia” (PSAI: https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/), con l’osservazione preliminare che ogni membro costituente del PSAI ha titolo - nella stessa misura di Nino Galloni, Mauro Grimolizzi, Marco Moiso o altri - a proporre analoghe o differenti suggestioni progettuali e programmatiche, ma il vaglio e la deliberazione di quali proposte verranno accolte effettivamente (e quali no) nel primo Programma del PSAI spetteranno soltanto all’Assemblea Costituente del “Partito che serve all’Italia”, dove democraticamente ogni testa e ogni cuore avrà un voto valido per scegliere e votare (sia sui Programmi che sullo Statuto e la Dirigenza del PSAI).
Di ciò e di altre istanze programmatiche che ogni iscritto all’Assemblea Costituente del PSAI potrà formulare e far mettere a verbale, si parlerà nel prossimo, importante e strategico incontro di giovedì 25 APRILE 2019, a Roma, dalle ore 15 alle 20, presso l’Istituto Sant’Orsola di Via Livorno 50/a, zona Piazza Bologna.

Vi sarà comunque un servizio d’ordine e non potranno partecipare all’incontro giornalisti o semplici curiosi/simpatizzanti.

Saranno ammessi ad entrare solo coloro che si siano debitamente iscritti all’Assemblea Costituente del “Partito che serve all’Italia” (PSAI), appuntamento decisivo il cui probabile svolgimento sarà sempre a Roma, in data 14 luglio 2019.

Come iscriversi all’Assemblea Costituente del Partito che serve all’Italia (PSAI)?

Facilissimo!

Basta seguire le semplici istruzioni illustrate in: https://www.ilpartitocheserveallitalia.it/#iscrizioni e Iscrizione all'assemblea costituente del Partito che serve all'Italia - Il Partito che serve all'Italia.

Ecco comunque il testo delle prime proposte di Claudio Quaranta:

 

RECUPERO DELLA PIENA SOVRANITÀ
Il recupero della piena sovranità nazionale è indispensabile per l’attuazione degli obiettivi della costituenda forza politica. La ripresa della sovranità popolare passerà per le seguenti riforme:
- Ripristino e rivitalizzazione della nostra Costituzione nell’ottica dei Diritti Universali, prevalenza dei principi fondamentali in essa espressi nell’adesione a qualunque trattato o ad ogni altra futura stipulazione internazionale
- Ridiscussione dei Trattati Europei, lesivi del diritto di autodeterminazione dei popoli e della dignità della persona umana, ridefinendo in senso confederale (Confederazione di Stati sovrani) l’organizzazione della UE
- Attribuzione della piena sovranità monetaria allo Stato italiano, con l’emissione di una moneta conforme alla sovranità sancita dalla Costituzione e contabilmente trasparente, in grado di rilanciare l’economia senza generare debito alcuno poiché investita in asset patrimoniali.
- Immediata separazione tra Banche commerciali e Banche d’affari
- Revisione del debito pubblico italiano e ripudio nella sua parte “detestabile” (debito che può essere non pagato in quanto non producente vantaggio alcuno per la collettività nazionale)

SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DEL LAVORO E POLITICHE DI SOSTEGNO AL REDDITO
- Perseguimento della piena occupazione, reso possibile dal recupero della sovranità monetaria, mediante politiche economiche e sociali costituzionalmente orientate
- Riforma del mondo del lavoro finalizzata a garantire dignità e diritti dei lavoratori
- Riforma delle pensioni, finalizzata a garantire una vita dignitosa alle persone anziane, tramite l’innalzamento del livello minimo di pensione, l’immediata abrogazione della Legge Fornero e il ritorno al sistema retributivo
- Riduzione del carico fiscale e istituzione di una nuova no tax area
- Rilancio delle attività produttive e degli investimenti, attraverso le grandi opere pubbliche.
- Istituzione di una grande “Società di Partecipazioni Statali” in attività strategiche per lo sviluppo del paese: energia, infrastrutture, telecomunicazioni, trasporti, sanità e altri settori considerati strategici lo Stato può muoversi con la snellezza operativa di SPA integralmente partecipate dal Ministero del Tesoro.

SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELLA FAMIGLIA
- Riconoscimento della famiglia quale istituzione fondante della nostra società avente specifiche peculiarità, come da Costituzione e Diritti Umani; difesa del ruolo della paternità e maternità nell’educazione e crescita dei bambini
- Protezione dei minori dall’imposizione di messaggi di sessualità disidentificanti nelle scuole, finalizzati a confonderne l’identità sessuale
- Contrasto a ogni forma di discriminazione e difesa dei diritti della persona umana, qualunque sia il suo orientamento religioso, politico o sessuale
- Politiche di sostegno alla natalità, come migliore garanzia per il nostro futuro

SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELL’ISTRUZIONE
- Sostegno e rilancio della cultura in Italia nelle scuole di ogni ordine e grado e sostegno alle Università per la ricerca tecnologica
- Attribuzione immediata per le scuole di ogni ordine e grado di personale docente e non docente
- Abrogazione del Decreto “buona scuola”

SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELLA CULTURA
- tutela e valorizzazione dei beni culturali e paesaggistici
- politiche per il rilancio del turismo

SALVAGUARDIA E VALORIZZAZIONE DELLA SALUTE E L’AMBIENTE
- Difesa della salute della persona umana e della libertà di scelta in ambito sanitario, immediata abrogazione dell’imposizione dell’obbligo vaccinale (imposto con l’illecito Decreto Legge, lesivo dell'art. 32 della Costituzione e della sentenza tassativa della Consulta n. 22 del 2012)
- Riforma del Trattamento Sanitario Obbligatorio
- Sviluppo di una ricerca finanziata dallo Stato, indipendente dalle multinazionali del farmaco
- Sanità pubblica gratuita per tutti. Abolizione dei ticket sanitari. Tempi di attesa per le visite entro limiti dettati dalla massima efficienza
- Tutela dell’alimentazione e delle politiche agricole, divieto assoluto dell'uso di OGM, anche di importazione, riconversione al biologico e rivalutazione della biodiversità autoctona
- Tutela dell’ambiente e abolizione delle pratiche di geoingegneria e modificazione artificiale del clima

UNO STATO AL SERVIZIO DEI CITTADINI
- Riforma delle politiche di gestione dei flussi migratori con misure di divieto dell’attuale forma di immigrazione clandestina totalmente deregolamentata
- Tutela del cittadino dalle attuali vessazioni economiche espropriative mediante sanatoria immediata (ex Equitalia) e moratoria per le segnalazioni negative bancarie per famiglie ed imprese vittime della crisi
- Ripristino della centralità del ruolo dello Stato come fornitore di servizi pubblici essenziali, gratuiti, di qualità e accessibili a tutti
- Messa in sicurezza delle aree di dissesto idrogeologico e degli edifici delle zone a rischio sismico, rapida ricostruzione di tutte le aree terremotate
 - Censimento da parte dei Comuni dei beni del demanio pubblico, per poterli restituire in uso alla cittadinanza
- Piena applicazione della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.

 

Misure di immediata adozione

 

ISTITUZIONE DI TRE COMMISSIONI DI INCHIESTA
-PERIODO 1946/1991
-PERIODO 1992/2011
-PERIODO 2012/2018
Per fare luce sulle stragi e i misteri italiani irrisolti, individuare i colpevoli, confiscare i beni accumulati illecitamente
PROCESSARE i colpevoli ancora vivi, e adottare adeguate misure detentive.

 

 

 

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 12-13 febbraio 2019 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it