Content Banner  

 

Anche DRP sollecita l’Ufficio di Presidenza MR ad un dialogo con Varoufakis e DiEM25, ma senza escludere evoluzioni positive del M5S e di Matteo Renzi & Company…

 

 

 

Leggiamo

“Proposta (da parte della Giovanile MR) di collaborazione tra il Movimento Roosevelt e DiEM25 di Gianīs Varoufakīs”, articolo pubblicato il 19 marzo 2016 sul sito MR (clicca per leggere),

e ci uniamo ai ragazzi della Giovanile MR nel sollecitare un dialogo tra l’Ufficio di Presidenza del Movimento Roosevelt e la nuova entità politica tenuta a battesimo dall’economista ed ex Ministro delle Finanze greco Gianīs Varoufakīs.
A proposito di tale entità, rinviamo, per una preliminare presentazione di essa, al suo sito ufficiale

diem25.org/home-it/ (clicca per accedere)

e a quanto ne viene detto ad esempio in

“Parla Varoufakis: ‘DiEM25, un movimento per superare il fallimento dell’Europa”, articolo-intervista di Matteo Pucciarelli pubblicato il 19 marzo 2016 su Repubblica (clicca per leggere)

“Nasce a Roma il movimento di Varoufakis: ‘Vogliamo un’Europa unita e democratica’”, articolo-intervista di Francesco Cancellato pubblicato il 16 marzo 2016 su Linkiesta (clicca per leggere)

“Varoufakis: ‘Europa al collasso, Renzi parla ma non fa sul serio’”, articolo di Giuseppe Salvaggiulo per La Stampa (clicca per leggere).

Condividiamo quasi tutto, dei presupposti su cui nasce DiEM25, e ci congratuliamo con Gianīs Varoufakīs e tutti gli altri co-fondatori di questo Movimento per la Democrazia in Europa (Democracy in Europe Movement), tra cui l’italiano Lorenzo Marsili, 31enne molto brillante, già fondatore di European Alternatives, che dice cose molto interessanti in

“Nasce a Roma il movimento di Varoufakis: ‘Vogliamo un’Europa unita e democratica’”, articolo-intervista di Francesco Cancellato pubblicato il 16 marzo 2016 su Linkiesta (clicca per leggere).

Senza illuderci troppo, ma neanche escludendo qualche “ravvedimento operoso” concreto e non solo retorico da parte di Matteo Renzi & Company sul futuro dell’Europa, sulla scia dei piccoli riconoscimenti che abbiamo tributato in

Nel caos politico italiano, europeo e globale il Movimento Roosevelt poco a poco riporterà un Nuovo ordine democratico, liberale, libertario, socialmente equo e laico. E sulla laicità delle istituzioni repubblicane: un bravo a Matteo Renzi, che da 'cattolico adulto e laico' ha almeno strappato qualcosa di concreto, sulle unioni civili, dopo anni di ciance inconcludenti e in mala fede, da sinistra a destra (clicca per leggere),

auspichiamo che un bel giorno, non lontano, anche l’attuale capo del governo italiano, magari non più in conflitto ma in collaborazione (progressista) con il M5S (a sua volta maturato politicamente e affrancato da molte delle sue fisime settarie attuali), possa partecipare ad una corale prospettiva di rigenerazione democratica sostanziale delle Istituzioni europee.

 

LE CITTADINE E I CITTADINI DI DEMOCRAZIA RADICAL POPOLARE (www.democraziaradicalpopolare.it)

[ Articolo del 15-20 marzo 2016 ]

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per comunicazioni, scrivete a: info@democraziaradicalpopolare.it